7
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, commenta a Premium Sport il successo sull'Udinese: "La vittoria non era semplice, bella risposta. Nelle ultime due di campionato abbiamo fatto buone prestazioni, poi con la Lazio e in alcuni momenti oggi abbiamo avuto dei blackout. Però la squadra ha fatto bene anche in dieci, ci serviva una partita così di sacrificio. La squadra è stata molto più attenta, ci stiamo avvicinando a novembre che è il mese in cui avremo una condizione migliore. Delle ultime tre, quella che meritavamo di meno di vincere era quella in Champions, le altre due abbiamo fatto buone partite ma nel calcio capitano cose a favore e contro. Dato più bello i gol fatti o subiti? Quest'anno abbiamo giocato 4 volte in trasferta e preso 7 gol, dobbiamo migliorare su questo ma già oggi dopo il secondo c'è stata grande attenzione e sono contento della condizione fisica che sta migliorando. Khedira sta migliorando, lo stesso Pjanic...

Khedira? E' semplice: il primo anno con Pogba e il centrocampo a tre era quello che si apriva molto e si inseriva di più, Khedira andava dentro quando vedeva la possibilità. A due fa gli stessi inserimenti che a tre. Quest'anno siamo una squadra più offensiva e quando bisogna far male si fa male, se no si rischiano gli episodi. Cerchiamo di invertire la tendenza quest'anno. Mandzukic? Tanto lo avrei fatto riposare la prossima partita, l'ho ringraziato perché ci serviva giocare una partita così in dieci (ride, ndr). Questa era una partita importante, uno snodo del campionato: ci permette di avvicinare quelle di testa, perdere oggi sarebbe stato difficile da digerire.

Si sente la mancanza di Bonucci? Inutile parlare di quelli che non ci sono, ha fatto sei stagioni importanti, sette alla Juventus. Ha fatto una scelta e va rispettata, noi abbiamo giocatori importanti. Non averlo contro? Avrei voluto vederlo in campo, perché è meglio giocare con i migliori".