Commenta per primo

En plein di vittorie e miglior differenza reti. E’ un aprile superlativo per la Juventus. La compagine allenata da Antonio Conte ottiene sei vittorie in altrettanti match disputati totalizzando 16 reti all’attivo (media di 2.6 a partita) e soltanto un goal al passivo (nelle ultime nove giornate di campionato). La porta difesa da Gigi Buffon è imbattuta da 270’ minuti, il numero 1 è in vetta alla classifica con un Indice di Valutazione Giocatore (I.V.G.) pari a 20.7.
Andrea Pirlo si conferma elemento fondamentale nello scacchiere bianconero: il regista colleziona 571 passaggi riusciti (2482 totali) e 28 assist per i suoi compagni di squadra (103 totali). Entrambi risultano essere i migliori dati della massima serie. La densità della manovra viene equamente suddivisa lungo le corsie laterali (31% sull’out destro e 30% sull’out sinistro) mentre le sortite offensive si sviluppano prevalentemente per vie centrali (39%). La Juventus è la compagine che ha realizzato il maggior numero di giocate utili (685 in totale: +14 rispetto al Milan, +33 sulla Roma) a fronte della migliore precisione in fase di appoggio (71.8% di passaggi riusciti). Nel 24% dei casi le trame del gioco bianconero vengono articolate a partire dalla retroguardia: Giorgio Chiellini (1848 passaggi riusciti) e Andrea Barzagli (1499 passaggi riusciti) risultano essere i migliori interpreti. Con un Indice di Valutazione Giocatore (I.V.G.) pari a 22.0 il numero 3 bianconero si conferma anche miglior difensore della massima serie con 772 recuperi effettuati sugli avversari.
Ottime anche le prestazioni offerte da Arturo Vidal. Il cileno si contraddistingue sia in fase realizzativa (4 marcature siglate, record bianconero nell’ultimo mese) sia in fase di impostazione del gioco (126 passaggi riusciti contro Palermo e Lazio, un totale stagionale di 1537 che vale l’accesso nella top ten della massima serie).
Il maggior numero delle reti siglate dai bianconeri avviene nella prima mezz’ora della ripresa (29, il 46% rispetto al totale), seguono i primi 30 minuti di gioco durante i quali la Juventus è andata a segno in 18 occasioni (28% rispetto al totale).

Lo rileva il report n. 10/2012 elaborato dall’Osservatorio Calcio Italiano (www.osservatoriocalcioitaliano.it).

Al termine della 35° giornata la Roma mantiene il primato per possesso palla (30’:13’’, segue il Milan con 30’:12’’ e la Juventus ) mentre è la Juventus a detenere il dato migliore riguardante la supremazia territoriale (14’:00 contro 13’:25’’ dei giallorossi). I bianconeri risultano essere anche la compagine con la maggiore percentuale di pericolosità arrecata alle retroguardie avversarie (70%) nonché l’undici a trovare maggiormente la conclusione a rete (in media 18 tiri per partita, oltre il 42% nello specchio delle porta avversarie).