214
A un mese dalla fine del mercato, la Juventus ha ancora dei tasselli da aggiungere. Il più importante riguarda quello che completerà il reparto offensivo, ancora orfano di un sostituto di  Alvaro Morato. Ed è proprio lo spagnolo uno dei nomi nella lista bianconera. Non solo, Alvaro, tra tutte le opzioni, è il preferito di Massimiliano Allegri, che già lo conosce e sa di poter utilizzare il giocatore sia come vice Vlahovic sia più largo, a sinistra. Al momento però, il terzo ritorno del centravanti a Torino non è così scontato visto che l'Atletico Madrid non ha abbassato le richieste. Ecco perché la dirigenza sta valutando anche altri profili e tra questi c'è Giacomo Raspadori del Sassuolo.

IL CASTING - Timo Werner, in uscita dal Chelsea ma su cui c'è l'interesse anche del Lipsia. Marko Arnautovic, considerato incedibile dal Bologna. Anthony Martial, il cui futuro al Manchester United è ancora incerto. Memphis Depay, con il quale ancora non sono stati fatti passi concreti. Anche per questo, la Juventus è tornata a seguire con attenzione Raspadori. Un profilo che era entrato nei radar bianconeri già qualche mese fa e adesso torna nei pensieri di Cherubini e Arrivabene. 
LA CONFERMA E LA CONCORRENZA - L'ad del Sassuolo, Giovanni Carnevali, ha confermato l'interessamento della Juve: "Per Giacomo ci sono gli occhi di Napoli e Juventus. È chiaro che il mercato è ancora lungo e tutto può ancora succedere, ma è altrettanto vero che la nostra idea è quella di porre termine alle trattative nel giro di pochi giorni". Una conferma e un avvertimento, sia per i bianconeri che per il Napoli. L'attaccante italiano se si muoverà, lo dovrà fare presumibilmente prima dell'inizio del campionato e soprattutto i club che lo vogliono dovranno soddisfare le richieste del Sassuolo, che valuta il 22enne circa 30 milioni di euro. Raspadori, così come Morata, eliminerebbe due problemi in un colpo solo, quello del vice Vlahovic e quello dell'esterno offensivo a sinistra, al momento ruolo scoperto in attesa che rientri Federico Chiesa.