Matthjis de Ligt sarà un giocatore della Juve, questione di ore, forse di giorni. Ma la sostanza non cambia e non cambierà. Ormai non si parla nemmeno più di trattativa a oltranza tra il club bianconero e l'Ajax, si tratta “semplicemente” di definire i contratti di trasferimento e di ingaggio. Semplicemente per chi aspetta, lavoro minuzioso e delicato molto poco semplice per chi si sta adoperando affinché anche gli ultimi passaggi di carattere burocratico e tecnico possano concludersi. Una corsa a tappe che nelle ultime tre settimane ha vissuto repentine accelerazioni poi lunghe attese, che non hanno mai scalfito la fiducia delle parti di arrivare alla giusta conclusione. E ora ci siamo: positivi, decisivi, i contatti di oggi dopo l'invio dell'ultima offerta ufficiale della Juve, quella giusta. Quindi la palla è passata sostanzialmente ai legali. Mentre De Ligt aspetta la telefonata giusta per arrivare a Torino, ha già salutato i suoi compagni di squadra che da domani saranno in ritiro in Austria, dove il difensore non dovrà più andare.

DE LIGT IN 5 MOSSE – Tutti contenti dunque, come abbiamo raccontato su Calciomercato.com già da diversi giorni (leggi qui): operazione complessiva da circa 80 milioni di euro, compresa la commissione monstre per Mino Raiola, protagonista assoluto di questa trattativa. Che ha vissuto alcuni momenti chiave. Il primo, a Parigi, martedì 11 giugno: Fabio Paratici prima di andare a Londra per sbloccare l'operazione Sarri ha incontrato nella capitale francese proprio Raiola, incassando la disponibilità a riaprire i dialoghi dopo la brusca frenata della trattativa con il Psg. Il secondo nel week-end successivo: Pavel Nedved a Montecarlo a casa Raiola pone le basi per un clamoroso e repentino contro-sorpasso. Il terzo passo, quello più importante: l'accordo con il giocatore, sulla base di un ingaggio da quasi 8 milioni più bonus ad arrivare alla quota di 12 milioni netti, con tanto di clausola rescissoria che partirà da 150 milioni di euro. Il resto è trattativa tra i club, tanto lenta quanto condizionata dalla calma di chi sa che l'obiettivo non è in discussione. Fino a quando non è arrivato il quarto momento chiave, targato Raiola, domenica scorsa: l'annuncio dell'accordo tra De Ligt e la Juve per mettere l'Ajax di fronte alle proprie responsabilità e far partire un rapido conto alla rovescia. Infine le ultime ore di pura cronaca: niente ritiro in Austria per De Ligt, società al lavoro per chiudere l'operazione. Con un dettaglio da predestinato: salvo nuove accelerazioni o clamorosi imprevisti, De Ligt potrebbe arrivare a Torino lunedì, il 15 luglio. Un anno esatto dopo lo sbarco sul pianeta Juve di Cristiano Ronaldo: se confermata, un'altra coincidenza da incorniciare. Il quando in ogni caso non cambia il cosa: De Ligt giocherà nella Juventus. 


GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. 
Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com