140
Si tratta il rinnovo. Non si può escludere la cessione. Magari rimandare, ma escludere proprio no. La vicenda di Matthijs de Ligt è tutta qui o quasi. Perché da un lato l'olandesone tratta il prolungamento di contratto con la Juve, dall'altro lo fa proprio sapendo di essere uno dei difensori più ambiti su scala internazionale. Non ha chiesto la cessione, nei suoi programmi ci sarebbe ancora almeno una stagione in bianconero, ma non vuole nemmeno precludersi nulla. Ecco perché un aspetto centrale in questa trattativa per il rinnovo c'è proprio il valore della clausola rescissoria. Se la Juve spinge per un prolungamento di almeno una stagione è per questioni di bilancio ma anche per congelare almeno per un'estate la posizione di De Ligt, se De Ligt apre al rinnovo è perché sa che in questo momento una cessione sarebbe complicata e la clausola rescissoria lo rende invendibile o quasi fissata com'è a 125 milioni per poi salire a 140 la prossima stagione. Rivedere il valore attorno ai 75-80 milioni, invece, consentirebbe a De Ligt di essere padrone del proprio destino. Anche a costo di vedere rimandata di una stagione la possibilità di attivare la stessa clausola rescissoria.
CHELSEA IN PRESSING – In tutto questo la definizione del passaggio di proprietà in casa Chelsea a breve permetterà ai Blues di tornare all'assalto. Già negli scorsi mesi, infatti, era stato individuato in De Ligt uno degli uomini più giusti per impostare la rifondazione della difesa agli ordini di Thomas Tuchel, che pur di arrivare a lui aspetterebbe anche una stagione intera potendo comunque contare sull'inossidabile Thiago Silva nonostante gli addii eccellenti di Rudiger, Christensen e probabilmente Azpilicueta. Con o senza rinnovo, in ogni caso, un tentativo il Chelsea lo effettuerà comunque, lasciando poi alla coppia Juve-De Ligt l'ultima parola. Non solo, oltre ai Blues c'è il Liverpool che da qualche settimana ha iniziato a muovere i suoi passi in direzione De Ligt, piuttosto concreti. Con il Barcellona che a sua volta proverà a inserirsi nel caso in cui dovessero emergere reali spiragli di partenza per l'olandese, su cui ha messo gli occhi già da quando fu la Juve a battere la concorrenza blaugrana e del Psg. Il mercato chiama e chiamerà sempre più forte. Intanto De Ligt tratta il rinnovo con la Juve, un prolungamento per blindarlo. Ma non troppo.