275

Finalmente si comincia. Prima di campionato per tutti, prima della carriera da allenatore per Andrea Pirlo. Che presenta così, tra campo e mercato, la sfida della sua Juve con la Sampdoria. 



LA PRIMA VOLTA - “Io sto bene ma è importante che stiano bene i ragazzi, gli infortuni non sono un problema, siamo abbastanza”

NODO CENTRAVANTI - “Aspettiamo tutti il centravanti, ma sono difficoltà che hanno tutti e il mercato è ancora lungo. Suarez è difficile che possa esserlo, i tempi per il passaporto sono lunghi”.

CASO KHEDIRA - “Situazione diversa da Higuain, quando avrà recuperato vedremo. Higuain aveva deciso pure lui che ormai fosse finita e di voler andare altrove”.

CERTEZZE - “Non ho dubbi, sono alla Juventus e alleno tanti campioni, questa è la certezza più grande che ho”.

SUI NUOVI - “Tutti a disposizione, sicuramente Pellegrini e Kulusevski conoscono già il campionato, Arthur forse ha bisogno di più tempo. Non diamo giudizi affrettati”.

NUOVA ERA - “Io non sono qua per far notare le differenze dall’altro anno, ho le mie idee che son diverse da quelle di Sarri, culture diverse con stessi obiettivi”.

PRESSIONE - “Fortunatamente non mi cambiano le opinioni degli altri, mi fanno piacere quelle positive ma non mi cambia, importante è avere bene in testa le cose da fare”.

SULLA SAMP - “Partita difficile, Ranieri è un bravo allenatore, verranno qua con due linee molto strette. Vorrei vedere le cose che abbiamo provato, stiamo lavorando bene e vedo che qualcosa è già entrato bene in testa”.

DOUGLAS COSTA - “Giocatore forte, dovremo riportarlo al meglio della condizione e quando sarà al top ci darà una grossa mano”.

MODULO - “Mai parlato di 4-3-3, dobbiamo sfruttare al meglio le caratteristiche dei giocatori che ci sono”.

GLI EX COMPAGNI - “Si comportano bene, mi chiamano mister e hanno grande rispetto per me e gli altri”. 

KULUSEVSKI - “Può giocare in qualsiasi posizione del campo, soprattutto in attacco. È una seconda punta-trequartista, è talmente intelligente che può trovare sempre da solo la posizione giusta in campo. E ha grandi margini di miglioramento”.