Calciomercato.com

Juve, ecco la mossa per Sancho: ora tocca al Manchester United

Juve, ecco la mossa per Sancho: ora tocca al Manchester United

  • Nicola Balice
  • 56
Adesso la Juve aspetta. Il segnale deve arrivare da Manchester, sponda United. E si spera che possa essere positivo. Perché se è vero che per arrivare a Jadon Sancho è stata presentata una proposta che teoricamente non sarebbe particolarmente allettante per il club inglese, nei fatti si tratta anche della migliore fin qui ricevuta forse perché l'unica concreta. Aspettando che in realtà pure da altri fronti possano arrivare mosse concrete, magari da quel Borussia Dortmund che per primo aveva riallacciato contatti con l'entourage di Sancho, su spinta dello stesso giocatore inglese. Serve tempo, lo United se ne prenderà ancora ma non troppo, avendo l'urgenza di sbrigare la pratica Sancho almeno per questa stagione nel minor tempo possibile, pur sapendo che difficilmente si potrà arrivare subito a una soluzione definitiva del problema. Perché Sancho, fuori orsa ormai da inizio settembre e con un rapporto praticamente irrecuperabile con Erik ten Hag, è esattamente questo: un problema. Pure bello costoso, considerando gli oltre 20 milioni di stipendio lordo e un contratto ancora molto lungo.

LA MOSSA – Intanto la Juve ha effettuato la propria mossa. Dichiarandosi disponibile ad accogliere Sancho in prestito, secco o con diritto di riscatto su basi sostenibili e da poter definire anche più avanti, con la possibilità di coprire il suo ingaggio rimanente per circa un terzo lasciando il resto a un accordo tra United e il giocatore. Che cerca una squadra da cui ripartire, volendo un immediato ritorno in campo e un pronto riscatto, avendo ancora l'obiettivo di rientrare nelle rotazioni di Gareth Southgate per l'Europeo del prossimo anno. Troppo presto per ora il salto in Arabia Saudita, da lì non sono mancati gli assalti anche milionari graditi allo United per una cessione a titolo definitivo ma per il momento respinti al mittente dallo stesso Sancho. Che a sua volta aspetta di avere tutte le carte sul tavolo, guardando senza scetticismo a quella bianconera.

Altre notizie