52
Lichtsteiner ha messo in panchina Cuadrado. Lo svizzero, anche contro la Lazio, ha giocato titolare, solo una decina di minuti per Cuadrado. Il problema è di natura tattica e non riguarda solo la fascia destra. Le scelte di Allegri sul modulo dipendono soprattutto dall’attacco: con Dybala e Mandzukic, l’attacco deve essere a due, il 3-5-2 è l’ideale, con Alex Sandro sulla sinistra. È importante che siano bilanciati gli esterni: Cuadrado può trovare spazio con uno più difensivo come Evra. Ma il modulo ideale per il colombiano sarebbe il 4-3-3, come a inizio stagione. Con Morata come ala sinistra, uno tra Dybala e Mandzukic dovrebbe essere sacrificato. E Allegri non vede la Joya come prima punta. Sono quindi la buona forma di Lichtsteiner, Alex Sandro e Dybala a mettere in panchina Cuadrado. 

RINNOVO LICHTSTEINER - Il terzino svizzero è tornato ad alti livelli dopo un mese di stop per l’operazione al cuore. Ora è di nuovo insostituibile. Ha 31 anni, ma si può pensare al rinnovo, perché il suo contratto scade nel 2017. A fine stagione, quindi, entra nell’ultimo anno di contatto. E proprio a giugno si può iniziare a parlare seriamente del discorso rinnovo, non è una priorità al momento. 
FUTURO CUADRADO - Chi non sta più trovando tanto spazio è Cuadrado. Il colombiano è in prestito secco dal Chelsea, a inizio stagione sembrava certo il riscatto, viste le sue prestazioni. Ma ora qualche dubbio c’è. Quello che è certo è che non può trasferirsi a gennaio, perché ha fatto una presenza con il Chelsea in Premier ad agosto e non potrebbe giocare per un terzo club. Il suo futuro si valuterà quindi a fine stagione, ci sono tanti aspetti da valutare, a cominciare dalla posizione di Allegri: ora è saldo sulla panchina, ma ci sono rumors su interessamenti dalla Premier.