30
Non c'è pace per la Juventus in questo tormentato avvio di stagione dal punto di vista degli infortuni. Dopo i problemi in difesa che hanno colpito, in sequenza, Howedes, De Sciglio e il terzino adattato Sturaro, ora a soffrire è il centrocampo. Che ha ritrovato due super Pjanic e Khedira, autori di cinque gol nelle ultime due partite, ma perde uno dei giocatori più positivi in questi primi due mesi: Blaise Matuidi.

MATUIDI OUT - Appena sceso dall'aereo che l'ha portato a Torino dal Paris Saint-Germain, il centrocampista francese è stato subito mandato in campo da Massimiliano Allegri, che non l'ha più tolto. "Matuidi corre e sta zitto", ha più volte dichiarato il tecnico bianconero, calcisticamente innamorato del classe '87 di Tolosa, che dopo la trattativa fallita nell'estate 2016 ha spinto tanto per il trasferimento in bianconero. Ma, dopo il risentimento al flessore accusato nella rifinitura pre Udinese di sabato, domani si sottoporrà a degli esami e con ogni probabilità salterà il turno infrasettimanale.

MARCHISIO IN - Senza di lui, per la gara con la Spal di mercoledì sera restano a disposizione Khedira, Bentancur e Pjanic. Ma anche Claudio Marchisio, rientrato tra i convocati proprio per la sfida coi friulani. Se il bosniaco dovesse rifiatare, visti i tanti impegni ravvicinati al rientro dall'infortunio, la scelta di Allegri per la formazione titolare dovrebbe ricadere su Bentancur e Khedira, ma nelle prossime settimane il Principino si rivelerà fondamentale. Magari già mercoledì, a gara in corso. Fuori Matuidi, dentro Marchisio: le porte del centrocampo della Juve continuano a girare.