6

In più di un'occasione è stato detto e ribadito in casa Juve che il polpaccio di Andrea Pirlo non rappresenta alcun caso. Il ritardo nel recupero c'è stato, è evidente, ed ha più che raddoppiato i tempi di recupero: 28 febbraio la data dello stop nella gara d'andata con il Borussia Dortmund, il rientro sembrava possibile già per la gara di ritorno o al più tardi al rientro dalla sosta per le Nazionali. Invece nemmeno domani Pirlo sarà a disposizione di Allegri, che a questo punto si giocherà tutto nella partita di martedì con il Monaco senza che il polpaccio del trentaseienne fenomeno bianconero possa aver effettuato un vero e proprio test sul campo. Anche oggi per lui si è svolto un lavoro specifico. Ma ogni giorno che passa dall'infortunio (e siamo a 41...) è sempre più facile confondere la prudenza con la preoccupazione. E il Monaco si avvicina...

Nicola Balice