17
Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, parla a Sky Sport dopo il successo sul Crotone: "Eravamo partiti un po' nervosi, forse le ultime sconfitte ci avevano messo nervosismo, poi i gol ci hanno agevolati e ci hanno dato tranquillità, il resto l'abbiamo gestito bene. L'inizio non è stato dei migliori, l'importante era portare a casa i tre punti".

BENTANCUR - "Dovevamo cercarlo per creare gioco, abbiamo fatto bene e poi i gol sono arrivati su queste situazioni".

RECUPERARE INFORTUNATI - "Quanti in vista del Porto? Non so. Sabato abbiamo il Verona e ci mancherà anche Danilo squalificato, dovremo studiare per mandare in campo i migliori".

MORATA E KULUSEVSKI - "Bisogna cercare di muoversi meglio. Alvaro non è al meglio, ha bisogno di tempo per rimettersi in sesto. Se abbiamo Ronaldo il gioco davanti va sviluppato diversamente, Kulusevski non è un attaccante e gli chiediamo movimenti diversi. Il gioco deve essere fatto più in ampiezza per poi trovare Cristiano in mezzo all'area".

KULUSEVSKI - "Giocare alla Juve o al Parma sono due cose diverse. Il Parma magari giocava più sulle ripartenze, contro la Juve invece le squadre si chiudono. Si sta adattando in un ruolo non suo, lo sta facendo bene, lavora tanto in non possesso e ci sta dando una grande mano. Può fare sicuramente di più".
CHIESA BENE SOLO A DESTRA - "Lui si trova meglio a destra anche per il suo modo di giocare e attaccare l'uno contro uno, con la sua finta cerca l'esterno. Ma anche a sinistra ha fatto buone azioni, riesce a crossare bene con il mancino, ma la sua posizione è di esterno destro e cerchiamo di farlo giocare lì".

250 PARTITE ALLO STADIUM - "Dieci anni fa pensavo a vincere da giocatore, ora penso a farlo dall'altra parte".

ANTI-INTER - "Tutte quelle che stanno dietro l'Inter sono le antagoniste, noi siamo una di quelle e cercheremo di lottare fino alla fine".

MEGLIO IN CAMPO O IN PANCHINA? - "In campo, più facile (ride, ndr)".