16

C’è la sagoma di Paul Pogba, chiara, definita. Ma quando la Juventus e Mino Raiola si trovano a parlare gli argomenti non si fermano mai a uno solo, per quanto il tormentone Pogba sia destinato a catalizzare il mercato bianconero. E soprattutto a proposito di giovani c’è sempre molto su cui confrontarsi. Con due profili di recente tornati di grande attualità nel panorama bianconero: Donyell Malen e Ryan Gravenberch.

MALEN - Numeri abbondantemente sufficienti per il grande salto quelli di Malen, attaccante del Psv classe ‘99: 17 gol in 25 presenze e uno strapotere fisico che lo hanno reso uno dei migliori giocatori di tutta l’Eredivisie nella prima parte di stagione. Con una valutazione già schizzata alle stelle al momento dei primi sondaggi bianconeri, con il Psv che aveva già fissato la base d’asta a quota 50 milioni. Poi l’infortunio e l’operazione al ginocchio lo stanno tenendo fuori da più di due mesi, un fattore che con ogni probabilità rimanderà tutti i discorsi di mercato di un altro anno. Ma la Juve c’è e continuerà a seguirlo, con uno sponsor d’eccezione come Raiola che non ha dubbi sulla sua ripresa e il suo valore.

GRAVENBERCH - Gravenberch compirà 18 anni solo a metà maggio, ma di lui Juve e Ajax hanno cominciato a parlare già da un paio di stagioni, tra un tentativo e l’altro per Matthijs de Ligt infatti il suo nome è già venuto fuori più volte. Quantità e qualità, tanta personalità, così ha gestito il primo impatto con il calcio dei grandi segnando 2 gol nelle prime 7 presenze in prima squadra, il centrocampista olandese sembra un altro predestinato. E la Juve con lui vuole giocare d’anticipo.