271
Come una macchina, quasi per inerzia. Nonostante le enormi difficoltà della Juventus di Sarri a fare gioco e a creare occasioni da gol. Nonostante l’età, il caldo e una bacheca personale talmente ricca di trofei che la metà potrebbe bastare. Nonostante tutto questo, Cristiano Ronaldo, il Marziano del gol, continua a segnare, implacabile. Sfruttando l’interpretazione italiana del regolamento, per cui qualsiasi tocco di braccio o mano in area è rigore (e la stessa Juve in questa stagione ne ha fatto le spese molte volte, come de Ligt sa bene), anche ieri CR7 ha messo a referto una doppietta

I RECORD - Con i due gol segnati all’Atalanta, Ronaldo raggiunge quota 32 centri stagionali e si proietta a caccia di nuovi record. I numeri: 28 reti in Serie A, solo una in meno di Ciro Immobile, che guida la classifica dei cannonieri. Con altre 6 partite a disposizione, Ronaldo proverà a entrare nella storia della Juve tentando di battere il record di Felice Borel, che nel 1933-34 fece 31 gol. E’ lui il miglior realizzatore bianconero in un singolo campionato. Più su ancora c’è il record di Gonzalo Higuain, 36 reti con il Napoli nel 2015-16, primato assoluto in Serie A di gol in un campionato. E ancora: c’è l’obiettivo della classifica marcatori, che uno juventino non conquista dal 2007-08 (Alessandro Del Piero). 

CHE NUMERI! - A margine, poi, c’è tutta una sequenza di altri piccoli record: nell’anno solare 2020 Ronaldo ha segnato 18 gol, tre in più di qualsiasi altro giocatore nei maggiori campionati europei. E ancora: con le due di ieri, sono 6 le reti consecutive di CR7 allo Stadium arrivate da calcio piazzato. Il suo precedente record di questo tipo era 5, con il Manchester United nel 2009.

L'OBIETTIVO GROSSO - Detto questo, è indubbio che l’obiettivo di Cristiano e della Juventus sia di altra portata e vada oltre i record di gol: arrivare a Lisbona a giocarsi la Champions League. Un trofeo che, se conquistato, con premesse numeriche di questo tipo in termini di gol, spianerebbe anche la strada del Pallone d’Oro al campione portoghese.