111
La verità sulla sostituzione di Cristiano Ronaldo e non solo. Così Maurizio Sarri, allenatore della Juve, ha parlato a Sky Sport dopo la vittoria in Champions League contro la Lokomotiv Mosca e la conseguente qualificazione agli ottavi di finale: "Non abbiamo fatto una delle nostre migliori prestazioni, abbiamo lasciato spazio a tante ripartenze dei nostri avversari e sapevamo che loro avrebbero fatto una partita di questo tipo. Buono l’aspetto caratteriale, perché nel finale la squadra voleva la vittoria a tutti i costi e l’ha raggiunta con un numero di Douglas Costa in collaborazione con Higuain”.​

CR7 - "Ronaldo era arrabbiato perché non sta benissimo, da qualche giorno aveva un fastidio al ginocchio e gli si affatica l'adduttore con facilità. Già a fine primo tempo era nervoso per via dell'adduttore, l'ho visto in difficoltà in un'accelerazione e non ho voluto rischiare".


DOUGLAS COSTA - “Douglas trequartista? È presto per la sua condizione, è stato fermo a lungo. Sta risalendo piano piano, lo sta facendo in maniera un po’ timida e l’accelerazione non è ancora delle migliori. Penso però che un giocatore di quella qualità possa giocare ovunque”.
BERNARDESCHI - “Federico arrivava da tante partite consecutive, avevamo la necessità di far rifiatare qualcuno e abbiamo preferito lasciarlo fuori”.

RAMSEY - “Prima della partita avevamo il dubbio se Ramsey e Douglas potessero fare 90 minuti o meno, quindi abbiamo preferito alternarli”.

RABIOT - “Abbiamo preso qualche rischio perché abbiamo cambiato tanto rispetto alle ultime uscite, forse troppo, ma avevamo la sensazione che la squadra potesse risentire della stanchezza”.