24
Claudio Marchisio dice la sua sulla Juventus. L'ex centrocampista bianconero ha dichiarato in un'intervista a Tuttosport: "Locatelli è una mezzala. Per me può anche stare davanti alla difesa, però più da filtro, da schermo, perché anche in Nazionale lo vedevo dare una mano a Jorginho, ma più in fase di interdizione che di costruzione. Quindi io lo vedo meglio come mezzala che entra negli spazi, si inserisce e conclude anche a rete, sfruttando le sue caratteristiche". 

"Manuel si è già bruciato una volta con il Milan e ha avuto la forza e l'umiltà di ricominciare dal basso e da lì conquistarsi la Nazionale e ora la Juventus. Non credo che debba pensare ai paragoni con me o con altri, deve essere Locatelli e basta, stare dieci anni alla Juventus e ispirare altri ragazzi, come è capitato a me. Manuel è da Juve come umanità e come grinta, ma non basta. Poi vai in campo e devi dimostrare altro e questa è una stagione complicata. Forse anche più complicata di quella con Pirlo l'anno scorso, quindi entra in un contesto non semplice, ma avrà grandi insegnanti come Chiellini e Bonucci. Però sono ottimista: Locatelli, così come Bernardeschi, Chiesa e magari anche Kean possono formare il nuovo zoccolo duro italiano che porti avanti la tradizione vincente. Le premesse ci sono".