7
La rete di osservatori della Juve continua a lavorare. Certo, non può ovviamente seguire da vicino quei talenti che in questa fase della stagione, solitamente, sono ridotti in termini numerici perché hanno già superato una discreta scrematura. Ma attraverso sistemi interni, procede la selezione di immagini e video. Un file in particolare sta ricevendo uno sguardo particolarmente attento. È quello che riguarda il profilo di Luiz Henrique del Botafogo. Classe 2001, attaccante tecnico e rapido, proprio a inizio 2020 era entrato nel giro della prima squadra. Segni particolari: lo manda Jorge Mendes.

GIOIELLO VERDEORO – Parte infatti dal super-agente di Cristiano Ronaldo la proposta alla Juve di valutare attentamente il potenziale di Luiz Henrique. Da poco ha firmato il contratto che lo lega per altre due stagioni al Botafogo, ha compiuto 18 anni lo scorso dicembre e in casa Juve sembra esserci particolare gradimento per lui. Molto dipenderà dalla valutazione economica che ne farà il Botafogo, per quanto con la sponda di Mendes l'operazione potrebbe spiccare il volo senza troppe difficoltà.
LA STRATEGIA – Ma a differenza di Kaio Jorge, per il quale la Juve è decisa ad accelerare magari portandolo subito a Torino per rimpolpare l'attacco a disposizione di Maurizio Sarri, per Luiz Henrique il progetto sembra più a lunga scadenza. Con la Juve che in questo momento sta studiando un'operazione in sinergia con un club amico, che possa acquistare Luiz Henrique sfruttando il proprio slot da extracomunitario, agevolandone l'inserimento in Italia. Una prassi da tempo molto diffusa, anche con grande profitto: da questo punto di vista l'asse con il Sassuolo è uno di quelli da continuare a monitorare con attenzione, da Rogerio a Merih Demiral i precedenti sono tanti e incoraggianti.