262
Parola d'ordine: "Calma". Basta un post su Instagram e un messaggio a Manuel Locatelli per scatenare i tifosi della Juventus, che hanno invaso il profilo del centrocampista del Sassuolo chiamandolo a gran voce a Torino. C'è chi ha interpretato il messaggio come un 'indizio', una citazione di una delle espressioni divenute più celebri di Massimiliano Allegri, tornato sulla panchina bianconera. Suggestioni, quel che è certo è che calma è quella che prova ad avere la dirigenza juventina in una trattativa che si sta dimostrando estremamente complicata.
 


NUOVI CONTATTI - Il primo incontro tra le due società, d'altronde, non è andato a buon fine e ha anzi evidenziato come la distanza tra le parti sia al momento particolarmente ampia. Per cifre e per formula, perché la prima proposta della Juve per un prestito biennale con obbligo di riscatto condizionato alla seconda stagione (qualificazione in Champions) a 30 milioni di euro ha trovato il no secco di Carnevali: forte di un'offerta superiore da parte dell'Arsenal, il Sassuolo tiene duro sulla valutazione di 40 milioni di euro e obbligo di riscatto garantito, con una quota onerosa iniziale. Un vero e proprio muro, che ha raffreddato l'entusiasmo dei bianconeri ma non ha cambiato i piani di Cherubini: Locatelli è il primo obiettivo assoluto e l'intenzione è quella di provare il tutto per tutto per portarlo a Torino, forte del sì del giocatore che non ha aperto invece ai Gunners. Per questo nei prossimi giorni riprenderanno i contatti con i neroverdi, per provare a trovare una soluzione che possa avvicinarsi alle richieste degli emiliani e arrivare alla fatidica fumata bianca.
LE ALTERNATIVE - Locatelli primo obiettivo dichiarato, nel mentre continuano a rincorrersi anche le indiscrezioni su quelle che potrebbero essere le alternative in caso di fumata nera a Locatelli o, qualora si concretizzasse la cessione di un esubero come Arthur, Ramsey o Bernardeschi, i nomi per il secondo centrocampista. La candidatura di Miralem Pjanic resta defilata ma ancora percorriibile, più fredda invece la pista, rilanciata dalla stampa francese, che porta a Corentin Tolisso: l'ex Lione è stato un obiettivo di vecchia data, ma la lunga lista di infortuni in carriera e le richieste elevate del Bayern Monaco non hanno mai fatto decollare l'operazione; ora, a un anno dalla scadenza del contratto, i bavaresi cercano di piazzarlo, ma i 20 milioni di euro chiesti al momento sono ritenuti ancora elevati. Nomi di contorno, la Juve ha in mente solo Locatelli ed è pronta a spingere per non farselo sfuggire.