292
 Impresa Juve
 

Inutile girarci troppo intorno.
Diamo ad Allegri quel che di è Allegri, questa sfida l’ha vinta praticamente lui.
Se la Juventus è riuscita nell’impresa di battere i campioni di Europa in carica del Chelsea, addirittura senza subire goal, lo deve principalmente al modo con cui il mister toscano ha preparato minuziosamente la partita, soprattutto riguardo la fase difensiva.
Un inizio col “catenaccio” programmato a prendere le misure dei blues e fargli capire da subito che segnare alla Juve stavolta sarebbe stato difficilissimo.
 
Chiesa devastante
 
Poi, con il passare dei minuti, la squadra è riuscita anche ad uscire dalla propria metà campo e grazie ad uno straordinario Federico Chiesa ha cominciato a spaventare la squadra di Tuchel.
Ad inizio ripresa il colpo da KO inferto agli avversari, lo scacco matto; strepitoso assist di un ritrovato Bernardeschi (che fine hanno fatto i suoi detrattori?) e gol da centravanti vero di un devastante Federico Chiesa, valore aggiunto della rosa in questo momento, soprattutto dopo la partenza di Cristiano Ronaldo.
Una vittoria bianconera sofferta, ottenuta con sacrificio e umiltà.
Una Juventus all’italiana tutta difesa e contropiede, come non si vedeva da anni. Stavolta Allegri non ne ha sbagliata praticamente una, d’altronde queste sono le sue partite.
Quando si tratta di contenere lo strapotere tecnico degli avversari infatti, blindando la fase difensiva, sale sempre in cattedra il maestro Allegri. Il problema ovviamente è quando si tratta di fare la partita ma questa è un’altra storia.
Davvero un encomio a tutti i giocatori della Vecchia Signora per come hanno interpretato la partita quasi da “provinciale”, ribattendo colpo su colpo al Chelsea e piazzando in contropiede il colpo giusto.
Senza Morata e Dybala alzi la mano chi, alla vigilia della sfida, si sarebbe immaginato una Juventus così concreta e decisiva; questa partita potrebbe davvero rappresentare la svolta della stagione.
Finalmente una prova da Juve, finalmente una difesa imbattuta contro un Super attacco. Stavolta, in casa bianconera, c’è solo da far festa.
A punteggio pieno dopo due giornate, prima in classifica nel girone, la Juventus ha già ipotecato il passaggio agli ottavi di finale di Champions League.
Un passo alla volta.
Dopo le tante critiche ricevute in questo disastroso avvio di stagione è giusto che, adesso, Allegri si goda una serata di ricordare. 
@stefanodiscreti