323
Che batosta
 
Ci sono modi e modi per perdere nel calcio così come nella vita.
Di certo quello subito dalla Juventus a Londra contro il Chelsea è il peggiore.
Quando perdi per 4 reti a 0 e il tuo portiere risulta essere il migliore in campo nonché l’unico a salvarsi vuol dire che si è sbagliato praticamente tutto o quasi.
Una lezione di calcio davvero difficile da digerire; per fortuna che però, magra consolazione, la qualificazione era già in cassaforte.
 
Tuchel che lezione ad Allegri
 
Una lezione del tecnico campione d’Europa in carica, Tuchel, ai danni di un inerme Allegri.
Questa volta infatti, a differenza della gara di andata, non è riuscito al tecnico toscano il miracolo di ribaltare il pronostico con una partita all’italiana tutta contropiede.
Il gol subito nel corso del primo tempo ha imposto alla squadra bianconera di provare a fare gioco, cosa che con l’attuale organico sembra essere praticamente impossibile.
E’ una squadra, la Juve, che vuoi per le caratteristiche dei singoli giocatori, vuoi per il modo di intendere il calcio da parte di Allegri, ha disimparato quasi totalmente a cercare di fare la partita.
La Vecchia Signora sembra poter vincere ogni volta (quando capita) solo in un modo ovvero blindando la difesa e puntando tutto sulle ripartenze.
Quando invece in occasioni come quella contro il Chelsea la difesa fa acqua da tutte le parti e quando il centrocampo non riesce ad arginare lo strapotere tecnico e fisico della squadra avversaria la sconfitta diventa inevitabile, soprattutto perché lì davanti non c’è nemmeno più il fenomeno a coprire tutti i difetti della compagine.
 
Atalanta, primo set point della stagione
 
Non resta che cercare di mettersi il prima possibile alle spalle questa disfatta di Champions League spostando subito l’attenzione all’importantissima sfida di sabato prossimo contro l’Atalanta, primo vero set point per la qualificazione in Champions della complicata stagione juventina.
Per rientrare nella zona classifica che porta all’Europa che conta non ci sono alternative ai 3 punti.
Battere l’Atalanta già è difficile in condizioni normali, farlo adesso nel culmine di una stagione con alti e bassi davvero spaventosi potrebbe essere una vera impresa.
Un passo alla volta però, inutile fare programmazioni con la Juventus di quest’anno.
@stefanodiscreti
Segui la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora