398
DV7
 
L’affare Dusan Vlahovic è ormai storia per la Juve.
L’ex attaccante della Fiorentina si è presentato alla Juventus in grande spolvero ereditando subito un numero di maglia importante, pesantissimo, quello che sino ad Agosto scorso campeggiava sulle spalle di Cristiano Ronaldo.
La Vecchia Signora non poteva piazzare colpo più giusto, davvero un botto, per colmare quel vuoto enorme lasciato in estate dal fenomeno portoghese.
Con l’acquisto del centravanti che le mancava, la rosa bianconera torna ad essere estremamente competitiva sia in Europa che soprattutto in Italia.
Ci si attendono miglioramenti di gioco e posizioni in classifica già a partire dal mese di Febbraio.
 
Zakaria per il centrocampo?

 
Ma il mercato della Juventus sembra non fermarsi al solo, grandissimo, acquisto di Vlahovic.
Per una volta la campagna trasferimenti di “riparazione”, che normalmente è destinata a colpi minori di assestamento, sembra essersi trasformata invece in una faraonica campagna acquisti che nulla ha da invidiare a quella più prestigiosa estiva.
Come se la scorsa estate non si fosse fatto in tempo a sistemare la squadra per via del “terremoto” CR7 e adesso si stia cercando di recuperare in tutti i modi il tempo ed il terreno perso in questa prima parte di stagione.
Con i soldi del Tottenham di Paratici, attraverso le cessioni di Kulusevski e Bentancur, la Juventus potrebbe piazzare ancora un ulteriore colpo importante a rinforzare la squadra.
Dopo aver sistemato l’attacco si punta adesso, in queste poche ore che mancano alla chiusura del calciomercato, a puntellare anche il centrocampo.
Il nome caldo è quello dello svizzero Denis Zakaria, in scadenza di contratto nel prossimo Giugno, calciatore che ha già impressionato nell'ultimo periodo per caratteristiche tecniche e forza fisica.
Il suo nome sembra quello giusto al momento giusto.
Manca proprio alla Juventus un centrocampista con le sue qualità e mancherebbe ancora di più ovviamente in caso di cessione di Bentancur al Tottenham.
 
Bentancur e Kulusevksi, quali rimpianti?
 
Se da una parte però l’upgrade juventino sembra assai evidente nel cambio Bentancur-Zakaria,  le uniche perplessità in merito sono legate all’età dei calciatori coinvolti nelle possibili cessioni che ha messo sotto l’occhio della lente Paratici anche da parte dei tifosi del Tottenham non pienamente convinti dell’operato dell’ex direttore sportivo bianconero.
Premesso che i tifosi londinesi dovrebbero stare più che tranquilli, con la garanzia assoluta di Antonio Conte in panchina (uno da sempre abituato a vincere e non fare regali a nessuno), dall’altra parte è lecito anche chiedersi in merito ad eventuali rimpianti per due calciatori così giovani; classe 1997 Bentancur, addirittura classe 2000 Kulusevski.
Personalmente tra i due giocatori bianconeri non avrei dubbi sul nome prescelto da sacrificare: Rodrigo Bentancur non ha mai convinto sino in fondo in questi anni. 
Con l’arrivo di Zakaria poi la sua cessione sarebbe indolore.
Discorso diverso per Kulusevski. Il rendimento del calciatore svedese soprattutto dell’ultimo anno è stato nettamente inferiore alle attese ma a nemmeno 22 anni compiuti ha già mostrato, in modo assai discontinuo vero, doti balistiche e tecniche fuori dal comune.
D’accordo che nel calcio moderno non ci sono più certezze e che tutti i giocatori sono sacrificabil in qualsiasi momentoi, però Dejan sembra assolutamente meritare almeno un’altra occasione.
Se la sua cessione sarà necessaria per riequilibrare le casse dopo il pesante esborso per Vlahovic bisognerà farsene una ragione, assolutamente.
Ma se in qualche modo si potesse fare diversamente, privarsi di un giocatore così giovane e talentuoso può diventare un motivo di grande rimpianto in futuro.
@stefanodiscreti