Calciomercato.com

  • Juvemania: pari figlio degli errori di Allegri e del Var. Non si torni alla Juve vecchio stile

    Juvemania: pari figlio degli errori di Allegri e del Var. Non si torni alla Juve vecchio stile

    • Marcello Chirico
    Il pareggio di sabato sera con l'Empoli è figlio di tanti fattori: la scelta di formazione e le sostituzioni di Allegri, il quarto d'ora horror di Milik, l'atteggiamento della squadra vecchia maniera (tutti dietro e impauriti), la decisione arbitrale di espellere il polacco, dopo aver graziato Berardi e Malinovskyi per precedenti interventi simili e sempre in gare con la Juventus. Per la prima volta, su episodi fallosi di questo tipo, il Var è intervenuto per far cambiare il colore del cartellino all'arbitro, cosa che a Sassuolo e Genova non era accaduto. Tanto più che l'arbitro aveva dato il giallo perché (giustamente) aveva visto la strisciata di Milik sulla caviglia del giocatore empolese,e successivamente il piede del polacco terminare sul pallone. Un intervento molto simile a quello di Berardi proprio in Sassuolo - Juve dell'andata e punito, appunto, col giallo. Solita storia: uniformità di giudizio inesistente. Si era sbagliato prima e, quindi, era giusto non sbagliare ancora? Giusto, ma come sempre si inizia sempre dalla Juve, che nelle precedenti circostanze era già stata penalizzata. Cornuta e mazziata, verrebbe da dire.

    Tra l'altro, arriviamo da una finale di Supercoppa in cui Calhanoglu aveva fatto falli a go-go per l'intero primo tempo, ed è stato soltanto ammonito; sabato sera, invece, è stato punito Milik col rosso al primo fallo duro su un avversario, dopo appena 14 minuti.

    Dobbiamo però anche dire che il pareggio è stato figlio degli errori di Allegri, che ha sbagliato formazione e cambi. Non si è capito perché ha scelto di schierare dall'inizio Milik e non Yldiz, visto che il turco non si era infortunato nel riscaldamento e arrivava da prestazioni convincenti. Il polacco è stato, al contrario, un disastro in quei 14 minuti giocati. Eppoi, perché non utilizzare i cambi subito dopo il vantaggio, schierando Rugani e mettendo la difesa a 4 in modo da blindare la difesa? Così come l'inserimento ritardato di Yldiz, che è sembrato subito avere una marcia in più degli altri.

    Decisioni discutibili che non hanno di sicuro aiutato la squadra a vincere questa gara. Così come l'atteggiamento della squadra, quasi impaurito di non poter riuscire a vincere la gara dopo l'espulsione di Milik, e di nuovo subito dopo la rete del vantaggio di Vlahovic, schiacciandosi troppo in area e consentendo così all'Empoli di alzarsi e provare a fare male, com'è poi capitato con Baldanzi. Una Juve vecchio stile, troppo difensivista e con poche idee in avanti. Un passo indietro che potrebbe incidere in modo negativo sulla corsa allo scudetto

    Altre Notizie