Calciomercato.com

Juventus, il padre di Samardzic è a Torino: nuovo contatto, Giuntoli studia l'affondo

Juventus, il padre di Samardzic è a Torino: nuovo contatto, Giuntoli studia l'affondo

  • Balice e Minchiotti
  • 36
Lazar Samardzic interessa sempre alla Juventus? La risposta è sì. Il serbo-tedesco dell'Udinese è stato un obiettivo sia la scorsa estate che a gennaio e lo sarà anche a giugno. Questa sera Samardzic sarà protagonista all'Allianz Stadium e lo farà davanti alla sua famiglia e al padre Mladen, che cura i suoi interessi e che oggi è a Torino. Per la Juventus e per l'entourage del centrocampista si tratta quindi di una ghiotta occasione anche per portare avanti i rapporti, dopo i contatti che non si sono mai realmente interrotti pure dopo la rottura tra la famiglia Samardzic e Rafaela Pimenta. Fra il capo dell'area sportiva bianconera, Cristiano Giuntoli, il direttore sportivo Giovanni Manna, e il padre-agente di Samardzic, Mladen, i rapporti sono buoni e quella di oggi è l'occasione per un altro punto della situazione.  
 
A GENNAIO ANDO' COSI' - Già a gennaio alla Continassa si era studiata la formula per anticipare il colpo e portare subito a Torino il classe 2002. Per questioni economiche e in particolare l'indice di liquidità, la proposta della Juventus si era fermata al prestito senza obbligo di riscatto, ovvero la stessa formula con cui è stato ingaggiato Carlos Alcaraz successivamente. L'Udinese ha fatto muro e Lazar è rimasto ancora in terra friulana. 

GLI SVILUPPI - In estate, le cose potrebbero cambiare. Dalla sua, la Juventus può contare sulla forte volontà di Samardzic di trasferirsi a Torino, ma anche in estate punterà a portare a termine l'operazione alle proprie condizioni, vale a dire un prestito con opzione d'acquisto, mentre l'Udinese, ad oggi, è ancora ferma sulla sua posizione: o cessione subito a titolo definitivo oppure prestito con obbligo di riscatto praticamente automatico a (almeno) 25 milioni. Da qui a giugno possono accadere ancora tante cose, e l'esito del campionato dell'Udinese (salvezza o retrocessione) è sicuramente una variabile importante da tenere in considerazione, con quella possibilità di liberarsi quasi gratuitamente in caso di serie B. Ma già oggi la dirigenza della Juventus può mettere a segno un altro punto a suo favore, sfruttando la presenza di papà Mladen a Torino.

Commenti

(36)

Scrivi il tuo commento

rubyentus
rubyentus

Va bene che parlare di correttezza in casa juve è come parlare di cristianesimo in case islamich...

Altre notizie