146
"Kouadio è davvero un giocatore fuori categoria". A parlare è Branco van den Boomen, centrocampista olandese cresciuto nell'Ajax, arrivato a Tolosa la scorsa estate dal De Graafschap. Con Koné condivide lo spogliatoio e la posizione in campo, in mezzo, dove l'obiettivo del Milan è devastante e determinante. Un profilo che nonostante la giovane età (è nato il 17 maggio del 2001) sembra essere pronto per palcoscenici diversi dalla Ligue 2, della quale il TFC è la seconda forza. In patria lo paragonano a Camavinga del Rennes, le cifre per ingaggiarlo sono decisamente inferiori.

IL PUNTO - Da 8 o da 10, come nel 2017-18 quando è diventato vicecampione di Francia under 17, Koné ha convinto tutti. Il suo nome è da tempo sul taccuino delle big, il Milan ha scelto di accelerare in questa finestra per battere la concorrenza. Oltre al Monaco, che lo scorso gennaio si è visto rifiutare 8 milioni di euro, ci sono Leeds e un paio di club tedeschi, tra i quali il Lipsia, sempre in prima fila quando si tratta di giovani talentuosi. Maldini e Massara, che hanno ricevuto resoconti estremamente postivi dall'area dati e da quella scouting, hanno messo sul tavolo una cifra vicina ai 6 milioni, il Tolosa ne chiede 4-5 in più. La distanza c'è, ma è colmabile. La trattativa è in piedi, Koné è la priorità del Milan, al prezzo essere giusto. Il suo contratto in scadenza nel 2022 esclude spese folli.