Commenta per primo

In Arabia Saudita hanno deciso di adottare una strategia particolare per cercare un vantaggio sulle avversarie, iniziando la preparazione al Mondiale già da metà ottobre; circa 20 giorni prima delle altre nazionali. I convocati pescati tutti in casa, club decimati e stop al campionato dopo le prime otto giornate. Quattro anni fa provarono a fare qualcosa di simile, mandando 9 giocatori in Spagna, tra prima e seconda divisione, per testarli in un campionato di livello superiore; ma in Russia non andò benissimo. Quello in Qatar sarà il loro sesto Mondiale, sono stati inseriti nel girone con Argentina, Polonia e Messico e proveranno nell'impresa di arrivare agl ottavi di finale, traguardo raggiunto solo nel 1994.

Rispetto a quattro anni fa il ct è cambiato. Oggi in panchina c'è Hervé Renard, lunga esperienza sulle panchine di nazionali africane e due Coppe d'Africa vinte con Zambia (1012) e Costa D'Avorio (2015). Arrivato nel 2019 dopo l'eliminazione dell'Arabia Saudita dalla Coppa d'Asia, in tre anni ha creato un gruppo unito senza sbagliare le partite più importanti. 

LA ROSA

PORTIERI
: Muhammad Al-Owais, Mohammed Al Rubaie, Nawaf Alaqidi.

DIFENSORI: Sultan Al-Ghannam, Abdullah Al-Amri, Ali Al-Bulaihi, Abdullah Mado, Saud Abdul Hamid, Hassan Tumbakti, Yasser Al Shahrani, Muhammad Al Buraik.

CENTROCAMPISTI: Abdullah Otaif, Abdullah Al Malki, Riad Shrahili, Ali Al Hassan, Salman Al Faraj, Muhammad Kanoo, Nasser Al Dawsari, Sami Al Najei, Hattan Bahbari, Salem Al Dawsari, Abdulrahman Al-Aboud.

ATTACCANTI: Haitham Asiri, Firas Al Buraikan, Saleh Al Shehri, Nawaf Al-Abed.

IL CAMMINO - L'Arabia Saudita si è qualificata al Mondiale dopo aver superato due fasi di qualificazione. Nella prima ha chiuso in testa e senza sconfitte nel girone con Uzbekistan, Palestina, Singapore e Yemen; anche nel secondo step ha chiuso al primo posto il gruppo con Giappone, Australia, Oman, Cina e Vietnam.

IL CALENDARIO

22 novembre, ore 11 - Argentina-Arabia Saudita (Lusail)
26 novembre, ore 14 - Polonia-Arabia Saudita (Al Rayyan)
30 novembre, ore 20 - Arabia Saudita-Messico (Lusail)

LA STELLA - Il giocatore con più qualità nell'Arabia Saudita è Salem Al Dawsari, centrocampista classe '91 col vizietto del gol. Ha sempre giocato in patria nell'Al-Hilal, la squadra più titolata del Paese con 18 campionati vinti; nella rosa attuale ci sono anche Ighalo, Marega e il peruviano Carrillo. L'unica puntata in Europa Al Dawsari l'ha fatta nel 2018, una partita in sei mesi al Villarreal: il centrocampista era uno di quei giocatori mandati in Liga - il campionato più visto in Arabia - per essere testati in vista del Mondiale in Russia. 60 presenze e 17 reti in nazionale, il gol più importante l'ha segnato al Mondiale di quattro anni fa, decisivo per la vittoria dell'Arabia Saudita contro l'Egitto.