23
Il termine ultime per rispettare gli accordi sottoscritti la scorsa estate è la mezzanotte di oggi, ma per Merih Demiral i piani stanno rapidamente cambiando. L'Atalanta che finora si era mostrta fredda sul versare alla Juventus i 23 milioni di euro pattuiti sta cambiando idea e, sebbene stia ancora cercando di rosicchiare qualcosa dalla cifra finale abbassandola il più possibile, è ora intenzionata a riscattare il centrale turco. 

ENTRO STASERA DENTRO O FUORI - Le parti si stanno riaggiornando ed entro stasera dovrà essere presa una decisione. Se la Juventus non concederà lo sconto all'Atalanta trovando un'accordo il club bergamasco potrà solo limitarsi a pagare i 23 milioni di euro previsti. In alternativa, se le parti trovassero l'intesa, la deadline potrebbe anche scadere e, tecnicamente, il giocatore potrà essere poi "ceduto" ai bergamaschi in una nuova operazione.
CHI C'E' DIETRO? - Quello che è certo è che l'Atalanta si è convinta a riscattare Demiral, ma non per tenerlo in rosa e a disposizione di Gasperini, bensì per rivenderlo immediatamente, un po' come fatto la scorsa estate con Romero (riscattato proprio dalla Juve e rivenduto al Tottenham di quel Paratici che gliel'aveva venduto). La strategia è la stessa e per Demiral la Dea ha già più di un interesse in mano. L'Inter è vigile se partissero sia De Vrij che Skriniar (per affiancarlo all'obiettivo Bemer e Bastoni), la Roma ci ha pensato, ma non ha budget di spesa elevato così come la Fiorentina. Più probabile, invece, che possa essere un club estero, magari in Premier dove il mercato dei centrali è attivissimo e dove il dt Congerton ha i contatti più approfonditi, la soluzione finale.