49
Samir Handanovic e l'Inter andranno avanti insieme. Per un rinnovo già promesso e impostato da mesi, la società è convinta che sia l'uomo giusto anche per la prossima stagione e c'è stata l'approvazione totale anche da parte di Antonio Conte. Ma è naturale per l'Inter studiare anche l'eredità di Handanovic per mantenere una tradizione di portieri sempre di alto livello. Ecco perché la dirigenza si è attivata su diverse possibilità, segue da vicino più portieri oltre a monitorare la crescita dei vari Gabriel Brazao, Radu & co in prestito ma ancora non all'altezza del grande salto.


MUSSO NEL MIRINO - Non è un caso se l'Inter osserva con grande interesse le prestazioni di Juan Musso, portiere argentino classe '94 dell'Udinese che sta vivendo un inizio di stagione strepitoso dopo un ottimo primo anno in Serie A. Già conosciuto dal corpo scouting dai tempi del Racing di Avellaneda, Musso convince per affidabilità, capacità di rispondere presente nei momenti importanti, è un portiere con ulteriori margini di crescita che l'Inter tiene d'occhio in più di un'occasione. Non è partita alcuna trattativa e come noto l'Udinese è bottega cara, ma Musso è nella lista degli osservati come anche Pierluigi Gollini dell'Atalanta e della Nazionale, già monitorato da altri top club. C'è tempo per decidere e nessuna fretta, di certo Musso piace all'Inter. Per diventare l'erede di Handanovic non basta, ma le prime tracce sono state seminate...

  Ascolta "L'Inter blinda Handanovic ma si muove per l'erede: nel mirino c'è anche Musso" su Spreaker.