90
L'Inter si interroga dopo il pareggio con tanti rimpianti con lo Shakhtar Donetsk, che ha complicato la strada nel girone di Champions League, e soprattutto sui tanti errori sotto porta dei propri attaccanti. In particolare, ad inquietare Conte e la dirigenza nerazzurra è il momento di difficoltà psicologica attraversato da Lautaro Martinez, che potrebbe indurre il club a qualche riflessione in vista del mercato di gennaio.

NON BASTA LUKAKU - Il solo Lukaku non può bastare per una stagione di alto profilo e, ad oggi, né il compagno di reparto argentino e tanto meno Alexis Sanchez garantiscono quella prolificità in zona gol da far dormire sonni tranquilli. Alla fine, il ruolo di quarta punta è toccato a Pinamonti, rientrato dal Genoa come da accordi ma tutt'altro che centrale nei pensieri di Conte e così, con la riapertura del mercato tra circa due mesi, l'Inter potrebbe andare alla ricerca di un profilo più esperto per completare il reparto avanzato.

VECCHIO PALLINO - Uno dei nomi che possono tornare in auge è quello di Gervinho, vecchio pallino del tecnico nerazzurro e per il quale era stato un tentativo proprio nelle ultime ore della precedente sessione di mercato. Sotto contratto col Parma fino a giugno 2022, l'arrivo dell'ivoriano può essere favorito dagli ottimi rapporti tra l'Inter e il club gialloblù, che nell'ottica dell'opera di riorganizzazione voluta dal neo-presidente Krause si libererebbe ben volentieri di un ingaggio piuttosto importante.