89
Oltre agli aggiornamenti sull’emergenza coronavirus, al centro dell’attenzione delle cronache in queste ore c’è il caso Palamara, E nella rete di relazioni dell’ex leader di Anm non ci sono solo toghe e uomini politici, ma anche star della televisione e calciatori. Il Corriere della Sera, nelle due pagine dedicate alle intercettazioni che hanno come protagonista Palamara parla di un vorticoso fluire di “abbracci”, “congratulazioni”, “sei grande”, “ti voglio bene”, scambiato con una moltitudine affettuosa di vip, volti noti, calciatori. 

Scrive il Corsera che ci sono cantanti come Claudio Baglioni e Antonello Venditti, e poi attori come Raoul Bova e Anna Kanakis, e ancora Luca Zingaretti e Neri Marcorè. Ma è lo sport l’amore dell’ex pm. E così chiede i biglietti del tennis a Luigi Abete: “Avevo piacere a venire in questa settimana a vedere gli internazionali”. Invia gli auguri a Giovanni Malagò, all’epoca appena nominato commissario straordinario della Lega di Serie A. E viene bersagliato di richieste dall’ex calciatore della Roma, Giuseppe Giannini: “Pensavo che se l’Italia non passa per andare al Mondiale sicuramente prenderanno Ancelotti e potrei far parte dello staff”. Palamara non dice mai di no: “Ci si potrebbe lavorare”. Giannini insiste: “Leggevo anche che Corradi è riuscito a entrare in Federazione, ma non riusciamo proprio a parlarci domani?”. E ancora: “Ho parlato ieri con Fabbricini, mi ha detto che incontrava Costacurta e mi riferiva, mi ha confermato che tutti gli allenatori di Leandro sono in scadenza se a te capita di incontrare Giovanni”. E Palamara: “Già fatto”. 
Con Venditti va allo stadio e parlano di politica o di Roma: “Mattarella uno di noi”, “Perché non ci compriamo Higuain?”, gli scrive il cantante. A Claudio Ranieri, che ha appena accettato la panchina giallorossa, scrive: “Forza Claudio!”. E con Eusebio Di Francesco, appena esonerato: “Caro Eusebio, siamo bravi a bruciare tutto, anche le cose più belle”. E poi messaggi a Vincenzo Montella: “Siamo tutti contenti se vieni a Roma!”,  e a Luciano Spalletti: “Appartengo a quelli che saranno felici di riaverti qui a Roma”.