111
C'è una partita tutta da giocare sul mercato in casa Juve. È quella legata a Gonzalo Higuain. Che da tempo sa di non poter rientrare alla base bianconera, indipendentemente da come vada a finire la sua avventura al Chelsea. Su questo è stata chiara la Juventus con Nicolas Higuain quando è stato definito il passaggio del Pipita alla corte di Maurizio Sarri: anche nel caso in cui i Blues non dovessero rinnovare il prestito o esercitare il diritto di riscatto, l'ipotesi di un ritorno alla Juve non è nemmeno da prendere in considerazione. E da questo assunto si partirà anche ora che, blocco del mercato o no, il Chelsea non sembra affatto sicuro di voler continuare né con Higuain né con Sarri. Ma la storia di questi ultimi due potrebbe proseguire ancora, dopo il capitolo chiuso di Napoli e quello potenzialmente in chiusura di Londra.
MOSSE ROMA – C'è Sarri infatti in cima alla lista dei desideri della Roma: il tecnico spera di conquistarsi una seconda chance al Chelsea, arriverà solo in caso di qualificazione Champions. E il club giallorosso già si è mosso con il suo entourage per capire i margini di un progetto comune, che ci sono. Con la Roma che in questi giorni si è pure portata avanti col lavoro, sondando il terreno con la Juve proprio per capire le condizioni sul fronte Higuain: sempre le stesse, servono 36 milioni per la cessione dell'argentino, anche secondo una formula di prestito con riscatto come d'altronde già previsto dai tentativi con il Milan e il Chelsea. La Juve apre le porte dunque alla Roma per un possibile affare Higuain. Ma le ha già chiuse su un altro fronte, quello tentato dai giallorossi per abbattere il più possibile il costo dell'argentino: mettere sul piatto il cartellino di Edin Dzeko, destinato a lasciare la capitale. Niente da fare, per quanto siano diversi i profili della Roma nel mirino della Juve, quello della punta bosniaca ormai non rientrerebbe più nel progetto bianconero. Senza scomodare il gioiello Zaniolo, sarebbe ben diverso ad esempio ragionando con i vari Manolas (clausola proprio da 36 milioni pagabile in due rate) o Pellegrini (clausola da circa 30 milioni). Altre storie, almeno per ora.