23
Quale futuro per il calcio virtuale italiano? L'addio della Juventus a EA SPORTS e, di conseguenza, al prossimo titolo Fifa 20 per passare a Konami e a eFootball PES 2020 ha scosso l'ambiente e i tifosi ma non solo: fornisce anche un'indicazione sugli equilibri che vanno spostandosi per quanto riguarda l'eSport di settore e la costituzione di primi campionati ufficiali, che il movimento nostrano attende da oltre un anno.

SERIE B: CI SIAMO - Grandi manovre in A, ma quella più vicina a una svolta in questo senso è la Serie B, pronta a sbarcare su eFootball PES 2020 vista la cessione dei diritti per la prossima stagione al colosso Konami. Non solo la rappresentazione nel gioco però, voci sempre più insistenti vogliono il lancio anche di un campionato ufficiale: una novità, anche se molte squadre che militano nella serie cadetta hanno già avuto esperienze nel mondo eSport, ultime Pordenone e Juve Stabia che hanno partecipato alla Supercoppa eSports organizzata da Lega Pro in collaborazione con Esports Academy (Esa). L'annuncio potrebbe arrivare già nei prossimi giorni, hype alimentato dalla Lega B che sui social non manca di lanciare alcune 'esche'.

 

 


E LA SERIE A... - Situazione abbastanza delineata per quanto riguarda la B, ma inizia a prendere forma anche il futuro virtuale della Serie A, che potrebbe addirittura sdoppiarsi e presentarsi a livello competitivo su entrambi i titoli, con due motivazioni a spingere la Lega A in questa direzione. Con il passaggio su PES, la Juventus raggiunge Inter e Milan, già legate da accordi con Konami: il più grande bacino d'utenza italiano si trova dunque legato al colosso nipponico ed entrare nel circuito eFootball Pro appare una mossa logica e proficua per la crescita del settore. D'altro canto, il circuito di Fifa con le Global Series resta quello più strutturato e sviluppato a livello competitivo e il legame tra EA SPORTS, FIFA e ultimo UEFA (quest'anno la prima edizione della eChampions League) è più saldo che mai; nonostante quindi la perdita del marchio Juventus, che sarà rappresentata comunque in Fifa 20 come Piemonte Calcio (stadio, divisa e nome fittizi, ma Cristiano Ronaldo, De Ligt e compagni avranno nomi e aspetto originali in game), sarebbe utile inserirsi anche in questo circuito, per sponsor e giro di incassi nettamente più ricco rispetto a PES. Da qui lo scenario che sta prendendo corpo, con una consapevolezza: il 2019/20 può essere davvero l'anno della svolta digitale, Serie A e B sono pronti a entrare nel mondo degli eSports.

@Albri_Fede90