175
Le proteste, sempre più numerose nel mondo del calcio ma non solo, hanno evidentemente toccato la Uefa e il suo presidente Aleksander Ceferin. Il divieto manifestato alla città di Monaco di Baviera di esporre i colori dell'arcobaleno all'Allianz Arena, in occasione della sfida tra Germania e Ungheria, ha avuto un'eco a livello internazionale e oggi da Nyon è arrivato un messaggio per provare a prendere le distanze dalle polemiche scatenatesi nelle ultime ore.

"La Uefa rispetta l'arcobaleno. Oggi la Uefa è orgogliosa di indossare i colori dell'arcobaleno", esordisce la nota. Che prosegue così: "Si tratta di un simbolo che racchiude i nostri valori fondamentali, che promuove qualcosa in cui crediamo - una società più giusta ed egualitaria, tollerante verso tutti, incurante delle loro origini, delle loro idee e del genere.

Alcune persone hanno interpretato la decisione della Uefa di respingere la richiesta della città di Monaco di colorare lo stadio di arcobaleno per la partita di Euro 2020 come 'politica'. Al contrario, la richiesta stessa era politica, collegata alla presenza della nazionale ungherese allo stadio, questa sera, per la partita con la Germania.

Per la Uefa, l'arcobaleno non è un simbolo politico, ma un segno del nostro fermo impegno per una società più varia ed inclusiva. #EqualGame #Euro2020".