Commenta per primo

Nel grande universo del poker, Novembre è il mese che decreta il Campione del Mondo. Le World Series of Poker che si disputano d’estate, si stoppano una volta raggiunto l’ultimo tavolo finale da 9 giocatori per darsi appuntamento a Novembre. Ma nel penultimo mese dell’anno non ci sono solo i “Novembre Nine” delle WSOP a contendersi il braccialetto più ambito. Nel vecchio continente infatti c’è una versione “francese” dei “November Nine".

Il Partouche Poker Tour (PPT) è di sicuro uno dei tornei più ricchi d’Europa. Iscriversi vuol dire tirare fuori ben 8.500 euro. Vincerlo però vuol dire mettersi in tasca un milione di euro. A Novembre ci proverà Mustapha Kanit, unico italiano che quest’anno sarà al tavolo finale che si risputerà il 12 e il 13 Novembre a Cannes. Ma per raccontare la storia e il “rapporto” tra “Mustacchione” (questo il suo nickname online e il suo soprannome) e il Partouche bisogna andare indietro di un anno.

Siamo ad un side event del PPT (evento da 1.000 euro d’iscirzione) e succede l’incredibile. Mustapha è ben messo in chips e si scontra con un giocatore francese. Il flop è 8-4-2 e Musta punta (ha in mano A-7), il francese (che ha A-10) chiama. La quarta carta non cambia gli equilibri: l’Asso-Sette di Kanit è sempre dietro e questa volta il francese punta. Kanit rilancia e il francese controrilancia. A questo punto Mustapha ci pensa a lungo e gli viene chiamato “Time” (ovvero gli viene dato un minuto per decidere). A un paio di secondi dallo scadere Mustacchione annuncia l’allin per circa 36.000. Il francese passa e butta le carte. L’italiano mostra il suo bluff e a questo punto si scatena il finimondo: il giocatore transalpino riprende le proprie carte, chiede l’intervento del direttore del torneo sostenendo che l’allin di Kanit fosse arrivato FUORI TEMPO MASSIMO e che quindi l’italiano debba perdere il piatto. 

I francesi al tavolo sostengono la stessa cosa ma quando un americano (un pro tra i più conosciuti Oltreoceano) e un professionista svizzero si accorgono della “scenetta” vanno su tutte le furie e prendono le difese di Mustacchione. Alla fine, incredibile ma vero, il direttore decide di far finire la mano girando il river (mossa palesemente scorretta e che avvantaggia solo il francese). Mustacchione perde ed è eliminato e non può nemmeno protestare perché al PPT si parla solo francese…l’inglese non è tollerato (neppure dai floorman). Il giocatore svizzero al tavolo chiede che gli sia restituita la quota d’iscrizione e abbandona il torneo (pare che sia stato anche bannato dal PPT). Sui forum di tutto il mondo si racconta l’incredibile storia di Mustacchione e il francese che si riprende le carte.

Un anno dopo la vendetta è servita: Kanit, dopo aver dominato il torneo, raggiunge il tavolo finale, E poco importa se i francesi hanno letteralmente snobbato il player ravennate: non una foto, non una mano raccontata, niente di niente. Lui però c’è e sarebbe un qualcosa di straordinario se Musta riuscisse a vincere. Al di là del milione di euro di prima moneta (dovesse uscire 9° vincerebbe comunque 100.000 euro). La domanda è: se riuscisse nell’impresa di vincere almeno i francesi lo intervisteranno?? Forza Musta!!!