39
21 gol in stagione. 58 nelle ultime 3 stagioni, tra Abruzzo e Slovenia. Un percorso di redenzione vestendo le maglie di Nova Gorica, Teramo e Pescara: Gianluca Lapadula sta incantando in Serie B e dopo anni duri, girovagando per l'Italia, è pronto al grande salto. Prima una Serie A da conquistare con la maglia biancazzurra, poi il suo di ingresso ,in A, dalla porta principale. La Juventus, è cosa nota, ha una sorta di prelazione, alla Berardi, che ora ha deciso di esercitare. Attaccante capace di fare reparto da solo, a suon di gol e buone prestazioni ha convinto la dirigenza bianconera ad investire su di lui. 

CHE NE SARA' DI LUI? - A Torino non vogliono lasciarselo scappare, anche perché la concorrenza è folta. Come dichiarato dal presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, c'è il forte interesse del Napoli per il numero 10 nato proprio a Torino, con sangue peruviano nelle vene (e oggetto del desiderio del ct del Perù El Tigre Gareca). Classe '90, la Juve lo preleverà per girarlo poi in prestito e vederlo nel suo primo campionato di A. Magari a quel Genoa (i rapporti sono ottimi dopo gli affari Sturaro e Mandragora) che osserva da tempo Lapagol e che in estate vedrà partire Leonardo Pavoletti"Ho imparato un sacco di cose attraverso gli errori; ho imparato a reagire e a cercare, anche dal punto di vista tecnico, nuove strade" dice sempre Lapadula. E la strada per la Serie A l'ha finalmente trovata