349
Nel posticipo domenicale dell'undicesima giornata di Serie A, il Milan si impone per 3-1 sul campo della Lazio. Buonissima gara quella della squadra di Sinisa Mihajlovic, che parte bene, si porta in vantaggio con Bertolacci (poi fuori per infortunio), raddoppia con Mexs (appena subentrato ad Alex, uscito dopo una gomitata al volto - involontaria - subita da Kucka) e mette al sicuro il risultato con Bacca. Il gol della bandiera da parte della squadra di Stefano Pioli, in serata negativa per idee e occasioni da gol, porta la firma di Kishna. In classifica i rossoneri si portano al sesto posto, a 19 punti, scavalcando la Lazio che resta ferma a quota 18.  

PRIMO TEMPO - Nel primo tempo parte meglio il Milan, che dopo un buon possesso palla e un paio di conclusioni verso la porta avversaria (Bonaventura alto, Cerci contrato dalla difesa della Lazio), al 25' passa in vantaggio. Su un tiro dalla distanza di Cerci, Marchetti respinge corto sui piedi di Bertolacci, che da due passi ha gioco facile a insaccare. Una decina di minuti dopo Bertolacci è costretto a lasciare il campo a causa di un problema muscolare. E subito dopo (37') uno scatenato Cerci colpisce un clamoroso palo con un bel sinistro a giro. Nella prima parte della partita, l'unico tiro dei biancocelesti verso la porta del Milan è debole sinistro di Felipe Anderson al 43'. 
SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con un attimo di apprensione per le condizioni di Alex, colpito involontariamente alla tempia da Kucka con una gomitata durante una mischia in area rossonera. Il brasiliano perde conoscenza per qualche secondo, ma poi si riprende, uscendo comunque dal campo in barella. Al suo posto entra Mexes, che al primo pallone toccato (53'), realizza di testa il raddoppio per il Milan, sfruttando alla perfezione una punizione di Bonaventura. Dopo il secondo gol, la squadra di Mihajlovic controlla agevolmente il match: nella fase centrale della ripresa, l'unico sussulto laziale è rappresentata da un'incursione di Lulic, il cui tiro ravvicinato è bloccato agevolmente da Donnarumma. Da quel momento però la Lazio assume l'iniziativa e, al 74', viene annullato un gol a Kishna per un evidente fuorigioco. Poi ci provano Mauricio e Matri, senza esito. Ma è un fuoco di paglia: al 79', su splendido assist di Bonaventura, Bacca sigla il terzo gol a porta vuota dopo aver scartato Marchetti. A risultato ormai acquisito per il Milan, i padroni di casa accorciano le distanze con Kishna (85').