Commenta per primo

L’allenatore della Lazio Vladimir Petkovic ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Lazio-Fenerbahce.

 

C’è rammarico per il risultato della gara di andata?

Sicuramente la gara di andata ha compromesso la qualificazione e se noi avessimo avuto stasera queste stesse possibilità che hanno avuto loro all’andata, sono sicuro che avremmo passato il turno. Complimenti comunque ai ragazzi, sono molto contento per come hanno fatto la gara e disputato questa partita, per l’impegno nel cercare la vittoria fino al 90 minuto, anche quando non contava più. Ce l’abbiamo messa tutta e stasera è anche mancato un po’ il nostro pubblico che sull’1-0 poteva darci quella spinta definitiva per portarci in avanti. Anche oggi prima della partenza a Formello e durante tutto il viaggio sono stati splendidi e spero che non giocheremo mai più senza di loro.

La Lazio non è arrivata a questo appuntamento al 100% dal punto di vista fisico?

Questo è uno dei rammarichi perché oggi abbiamo fatto 15 tiri in porta contro i 2 degli avversari. Con un po’ di precisione e convinzione in più, potevamo vincere questa partita, ma non possiamo e non dobbiamo piangere sulle cose che non si possono cambiare. I ragazzi che erano in campo stasera erano i migliori in questo momento, hanno dato tutto per girare il risultato negativo dell’andata, non ci siamo riusciti ma sono comunque molto contento per l’impegno che i ragazzi hanno messo in campo.

Come si riparte adesso? C’è preoccupazione per le molte energie spese dai suoi giocatori?

Forse per la prossima partita. Per questo ho parlato un po’ ai ragazzi e darò un po’ di libero per recuperare energie perché vogliamo tornare subito in campionato e anche se saremo senza qualche pedina importante, contro la Juventus vogliamo fare una buona gara e fare di tutto per vincere la partita per avere ancora la possibilità di continuare a sperare per i primi tre posti.

E’ sbagliato tirare un bilancio negativo del calcio italiano?

Sicuramente, perché non è così, ci sono squadre logicamente più forti ma penso che Juve e Lazio abbiano fatto un bel percorso e con un po’ più di fortuna nel sorteggio anche la Juve poteva andare più avanti, ma questa è la situazione reale e si deve lavorare per migliorare l’anno prossimo per portare più squadre su questi livelli.