Commenta per primo

Nel momento di difficoltà, la Lazio esce sempre fuori. Dopo una settimana a dir poso assurda, Klose e compagni vincono una partita che si presentava tutt'altro che semplice. I giocatori non sono robot; sia prima che dopo la sfida contro l'Atletico Madrid non hanno ben capito cosa sia successo, e forse ancora non se lo spiegno. Resta però quello che di buono ha fatto la squadra in campo, estraniandosi almeno per novanta minuti più recupero da tutto quello che continua ad accadere dentro e fuori Formello.

Per il bene dei tifosi, e per mantenere quel terzo posto che fin'ora meritano più di chiunque altro. La forza della Lazio, oggi, forse è proprio questa: il fatto di riuscire a mettere da parte tutto quello che accade fuori e a volte anche dentro lo spogliatoio, nel momento in cui si entra in campo. Segno di maturità, di attaccamento alla maglia e di voglia di far bene (anche se ultimamente i risultati sono arrivati a corrente alternata).

Negli occhi ci sono il gol di Klose, l'assist di Hernanes, le parate di Marchetti e le palle recuperate da Gonzalez e Ledesma; nella mente, invece, c'è già il derby di domenica prossima. Questa dovrà essere una settimana perfetta, senza polemiche, senza crisi di identità, ma solo con la speranza di recuperare qualche infortunato.