103
Un risveglio triste a Parigi dopo la sconfitta in finale di Champions League contro il Bayern Monaco, ma la stagione 2020/21 è già iniziata e per il Paris Saint-Germain è già ora di programmare il mercato. Nessuna grande rivoluzione annuncia oggi L'Equipe, spiegando però come Leonardo abbia già le idee chiare sugli innesti di cui avrà bisogno la squadra. E molte piste portano in Italia.

COLPI DALLA SERIE A - La priorità per il PSG è assicurarsi un terzino destro di ruolo che possa alternarsi con Kehrer e colmare il vuoto lasciato da Meunier: la prima scelta in questo senso è Adam Marusic della Lazio, per il quale il dirigente brasiliano ha già riavviato i contatti, mentre il giovane Dagba viene ritenuto ancora acerbo. Ancora da identificare il successore di Thiago Silva, mentre è chiaro l'obiettivo numero uno a centrocampo: ancora da Roma, ancora sponda biancoceleste, Sergej Milinkovic-Savic resta il vero pallino di Leonardo, nonostante le richieste economiche altissime di Lotito e Tare. Ecco allora pronti dei piani B: raffreddato l'interesse per Tanguy Ndombele (Tottenham), non quello per Ismael Bennacer (Milan) e Matteo Guendouzi (Arsenal). A fare loro spazio, Julian Draxler, per il quale si cerca una sistemazione.
DUBBI SU ICARDI - L'ultimo nodo riguarda l'attacco, che ha perso Edinson Cavani nella fase finale della Champions League senza trovare in Mauro Icardi un sostituto all'altezza. L'edizione odierna de L'Equipe infatti conferma come il PSG non sia stato confortato dal rendimento dell'argentino nelle ultime settimane, lasciato in panchina peraltro da Tuchel per tutta la finale di Champions: tuttavia, l'investimento da 50 milioni di euro fatto per acquistarlo a titolo definitivo dall'Inter obbliga la società parigina a puntare su di lui anche per la prossima stagione nonostante i dubbi, sperando in un rilancio e una rivalutazione. Non è una priorità un nuovo attaccante, ma il tema sarà sicuramente affrontato nel corso delle prossime settimane e sul taccuino di Leonardo restano i nomi di Matheus Cunha (Hertha Berlino, seguito anche dall'Inter) e Lincoln del Flamengo. Non sarà una vera e propria rivoluzione, ma il PSG si prepara a diversi cambiamenti.