230
Il calcio è pronto a ripartire e mentre il pallone attende di tornare a rotolare sui campi di gioco c'è un'altra battaglia che è già ripartita fuori dal rettangolo verde: quella politica tra le big italiane. Nulla che riguardi la Serie A e il dibattito tra club e Figc su playoff/playout e algoritmo, a riaccendere rivalità e vecchie ruggini ci ha pensato la Coppa Italia che ha scatenato un vero e proprio scontro tra Inter, Juventus e Milan: contro i nerazzurri si è formato un fronte bianco/rosso nero.

CAOS DATE - Tutto ruota attorno alle date delle semifinali di ritorno della Coppa nazionale, primo impegno sul campo per il calcio italiano dopo lo stop per la pandemia coronavirus. In attesa che dal Governo arrivi, come probabile, il via libera ad anticipare il kick off dal 13 al 12 giugno, le quattro squadre impegnate discutono su chi debba scendere in campo per primo: da programma dovrebbe disputarsi prima Juventus-Milan e poi Napoli-Inter, visto che all'andata si giocò prima la sfida tra la squadra di Conte e quella di Sarri e, successivamente, quella tra rossoneri e bianconeri. L'Inter, tuttavia, vorrebbe invertire questa turnazione e giocare per prima: la motivazione addotta è il calendario più fitto che attende i nerazzurri, visto il recupero da giocare avrebbe tre partite molto ravvicinate. Per procedere all'inversione delle gare servirebbe un accordo tra componenti e qui arriva il nodo: Milan e soprattutto Juventus infatti al momento si oppongono al cambio di calendario richiesto da Marotta, non intendono giocare prima e vogliono il rispetto della turnazione originale. Uno sgarbo in piena regola che riaccende lo scontro. Inter da una parte, Juve e Milan dall'altra: la Coppa Italia riaccende la battaglia tra le grandi.
@Albri_Fede90