153
Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha parlato a margine dell'evento dedicato alla presentazione dell'ultimo libro di Ezio Luzzi, della scelta di Sarri come nuovo allenatore, e degli obiettivi stagionali. Presente all'evento il nostro inviato Valerio Marcangeli.



SARRI -
"Ragioniamo quando facciamo le cose, Sarri è un cultore del calcio, un maestro e costituirà un valore aggiunto per la crescita della squadra e dei calciatori per raggiungere dei traguardi che la società e la squadra si attendono".

MERCATO - "La società è sempre stata a disposizione per trovare soluzioni per raggiungere gli obiettivi, non corriamo dietro ai nomi ma alle qualità tecniche".

PAZIENZA - "​Quando ho preso la Lazio aveva 84 milioni di ricavi, 86 milioni di perdite e 550 milioni di debiti era in una situazione disperata. I tifosi hanno avuto la pazienza di sopportarmi e oggi siamo proiettati nella crescita, abbiamo una struttura tra le prime d'Europa e speriamo che questi investimenti portino anche risultati in campo. Bisogna proiettare l'organizzazione non solo su fattori economici ma anche sul merito, sul lavoro, sul sacrificio".

SCUDETTO - "Scudetto? Con le ragazze della Morace è un traguardo che ci eravamo prefissati e lo abbiamo raggiunto a pieno titolo e senza sconti avendo chiuso il campionato al primo posto. Speriamo che il calcio femminile riuscirà a trasmetterlo anche a quello maschile (ride, ndr). Noi ci mettiamo l'impegno e la determinazione, vedremo se i risultati ci daranno ragione".