497
L’allievo e il maestro. Beppe Marotta e Fabio Paratici, i due dirigenti che hanno contribuito a far tornare la Juve ai vertici in Italia, ora avversari sui vari tavoli del calciomercato. Un tempo condividevano una suite nell'hotel del mercato dove incontravano procuratori, dirigenti e presidenti: vincevano trattative, vincevano sul campo dove sono arrivati a sfiorare il successo anche in Champions League. Oggi non sono solo avversari sul mercato, ma acerrimi nemici. Hanno iniziato a farsi la guerra per rinforzare le rose delle rispettive squadre e il primo vero duello l’ha vinto l’amministratore delegato nerazzurro: Marotta-Paratici 1-0 e palla al centro. Romelu Lukaku - nonostante l’inserimento prepotente della Juve - sarà infatti un nuovo giocatore dell’Inter. Il viaggio odierno a Londra dell’agente del belga, Federico Pastorello, ha sbloccato definitivamente la trattativa tra i due club: lo United ha accettato l’offerta dell’Inter. Lukaku sarà un nuovo rinforzo dei nerazzurri, per la gioia di Antonio Conte che lo voleva già ai tempi del Chelsea.


Non una semplice manovra di disturbo quella della Juventus per Lukaku, che nell’ultima settimana ha fatto un tentativo concreto per l’attaccante con il Manchester United. Tutto è tramontato per le richieste di Paulo Dybala, che avrebbe fatto il percorso inverso dell’attaccante belga. Lukaku vestirà la maglia dell’Inter, il primo duello di mercato è nerazzurro, aspettando i derby d’Italia sul campo. Il primo duello vede la vittoria di Marotta su Paratici. I due dal 30 settembre 2018 non si rivolgono più la parola. Appena Marotta ha varcato le porte della società nerazzurra, Paratici ha iniziato a tempestare di messaggi Wanda Nara per convincerla a portare Mauro Icardi in bianconero, con la moglie e procuratrice dell'ex capitano dell'Inter che prontamente li avrebbe fatti leggere al neo amministratore delegato interista. Un rapporto che sembrava idilliaco tra i due dirigenti è terminato: adesso a dominare è il silenzio. Eppure, tra qualche giorno, potrebbero tornare a “parlarsi" e andrebbe in scena un vero e proprio secondo “round”. 

Il motivo? Il mercato, ovviamente, con quel Dybala che Marotta sogna di vestire di nerazzurro e quell’Icardi che Paratici vuole portare alla Juventus già dalla scorsa stagione. Il futuro in bianconero della Joya, nonostante i messaggi d’amore dei tifosi, appare già segnato. Gli allenamenti di questi giorni con Sarri difficilmente cambieranno lo stato delle cose: Paratici e Nedved gli hanno comunicato che è in vendita. Con lo United sempre più lontano e il Tottenham che ha poco meno di 24 ore per provare a chiudere il colpo, restano il Paris Saint-Germain dell’ex direttore sportivo rossonero Leonardo e l’Inter. Quell’Inter che ha ancora in rosa Mauro Icardi, separato in casa anche con l’arrivo di Antonio Conte. La Juve per ora ha utilizzato la strategia dell’attesa per l’argentino: Paratici non ha mai avuto fretta, consapevole (e speranzoso) che a fine mercato il suo prezzo potesse abbassarsi. Il momento clou adesso è vicino, dopo la chiusura della trattativa per Lukaku. La madre di tutte la battaglie tra Marotta e Paratici potrebbe essere proprio questa, con Icardi e Dybala protagonisti del secondo round.