203
Settimana cruciale per il futuro del Milan e di Paolo Maldini. Nel giro di pochi giorni, l'ex capitano rossonero darà la sua risposta a Gazidis sull'offerta da direttore tecnico e dal suo responso dipendono le prime manovre del Diavolo: dalla scelta dell'allenatore, con Giampaolo in pole, ai nodi cessioni, tutto in stand-by in attesa di Maldini. Tutto, però, pronto a sbloccarsi in caso di replica positiva con una missione prioritaria: il futuro dei big.

IN BILICO - Come evidenzia La Gazzetta dello Sport infatti, è di primaria importanza per il Milan e per Elliott definire le strategie riguardanti il futuro di Gianluigi Donnarumma, Alessio Romagnoli e Suso. La cessione di Gigio è un'eventualità che i rossoneri considerano: garantirebbe liquidità per rinforzare gli altri reparti, alleggerirebbe il monte ingaggi di 6 milioni netti a stagione e permetterebbe di mettere a bilancio un'importante plusvalenza. Discorso simile per Romagnoli, per il quale però Maldini nutre grande stima: un asset da cui ripartire, solo proposte irrinunciabili sarebbero tenute in considerazione. Per quanto riguarda lo spagnolo, il futuro non dipende necessariamente dal Milan: la clausola rescissoria da 40 milioni di euro permette a Suso di liberarsi in qualsiasi momento, per evitare di perderlo senza lottare i rossoneri potrebbero riprendere i dialoghi con il giocatore e il suo agente per cercare un'intesa per il prolungamento del contratto, senza clausola e con un ingaggio ritoccato.