25

Nervoso con la stampa, ma sereno per il lavoro svolto in settimana. E' questo il Roberto Mancini che si è presentato in conferenza stampa per anticipare la sfida fra Inter e Sampdoria di domani pomeriggio. Stuzzicato su moduli e infortunati, il tecnico Jesino non si è trattenuto dal rispondere con toni forti: "La partita con i blucerchiati è sempre speciale, sono stati anni importanti. Poi è bello ritrovare Walter, abbiamo fatto tante battaglie sia da avversari che da compagni e sono felice che sia tornato in Italia".

KO VIOLA - "Sconfitta assurda per come è venuta, ma il calcio è anche questo... Però la squadra ha reagito sotto di due o tre goal, forse per questo è stata la miglior partita fatta. Con 15 punti in 6 partite, non credo che abbiamo problemi...".

POLEMICA SUL MODULO - "In Italia parlate sempre di difesa a 3 o 4, qualcuno parla senza sapere di cosa... Domenica sera mi è stata fatta una domanda su una linea a 4 quando siamo partiti a 3... Uno non perde per questo, bensì per errori o perchè l'avversario ha fatto meglio. Non cambia nulla il modulo, si dicono sempre le stesse cose che sul match non incidono. Contano gli errori di arbitro, allenatore o giocatore, o un gran goal"

JOVETIC - "Jovetic? Non me ne frega se è stato convocato, non sono arrabbiato con nessuno. E' stato visitato e non è in grado di giocare, altrimenti avrebbe giocato domani. E' ovvio che deve capire lui cosa sia più giusto fare visti i nostri impegni credo sia meglio torni da noi. Io spero di poterci lavorare durante la sosta e averlo pronto per la Juve".

DA KONDOGBIA A GUARIN - "Kondogbia non è stato convocato dalla Francia? Ho parlato con Deschamps, sono amichevoli e non credo sia un problema che sia rimasto fuori. Guarin è lo stesso che è stato esaltato dopo il derby, ma che è stato fischiato domenica nonostante una buona gara". 

MEDEL PALLONE D'ORO, BUFFON NO - "Medel è tra i candidati al Pallone d'Oro? Penso sia una soddisfazione enorme per lui, credo che se fosse più alto sarebbe stato tra i migliori al mondo. Buffon è stato il miglior portiere al mondo per anni e non si è mai arrabbiato per non aver mai vinto il Pallone d'Oro, se lo fa adesso secondo me sbaglia".