32
Dopo Inter-Juventus 0-0, Roberto Mancini, allenatore dei nerazzurri, parla ai microfoni di Mediaset: "È stata un partita dura e difficile per entrambe le squadre, ci sono state pochissime occasioni. Abbiamo giocato entrambe per vincere, sono stati bravi i difensori. Cosa ci è mancato? Voi avete sempre qualcosa con l'Inter. Abbiamo avuto occasioni così come la Juve, abbiamo commesso qualche errore ma i giocatori hanno messo il massimo impegno e alcuni sono arrivati anche venerdì. Le distrazioni capitano. Forse di calcio non ne capisco molto...". 

Su Jovetic: "Stasera ha fatto la miglior partita da quando è all'Inter, nonostante si sia allenato solo tre giorni. Poi arriverà anche il momento che Mauro farà gol e sarà una bella cosa. Oggi vincendo avremmo preso più consapevolezza, ma un pareggio con la Juve ci può stare. Dobbiamo migliorare un po' di cose ma questo è normale. Vedremo dove potremo arrivare ma credo che potremo starci lì in alto. Kondogbia? Le partite sono tante, non è una bocciatura, anche Pogba è rimasto in panchina. Crediamo in lui e pensiamo sia un buon giocatore".

Su Etihad: "Io il tramite? Noi abbiamo un grande sponsor che è Pirelli. Etihad è un grande marchio ma queste non sono cose che competono a me. Chi è la favorita per il campionato? La Fiorentina è in testa e oggi ha fatto un'ottima partita, credo poi Napoli, Roma e anche la Juve rientrerà".

Poi, a Sky, Mancini aggiunge: "Ho schierato la squadra come nel secondo tempo di Genova. Sono soddisfatto perchè era una partita difficile contro una grande squadra. Ci sono state poche occasioni con le difese che si sono dimostrate solide. Nella ripresa siamo andati un po' troppo indietro".
Più deluso di non aver tenuto la Juve a -11 o più contento che non sia arrivata a -5?
"Sono contento per il carattere mostrato dalla squadra e credo che la Juve rientrerà presto nella lotta per lo scudetto. Jovetic dipendenti? Tutte le squadre dipendono dai grandi giocatori. Penso che stasera abbia fatto la sua miglior partita poi è calato un po'. Ma nella ripresa penso che siamo calati anche in mezzo al campo".

Icardi: "Icardi deve fare meglio e lui lo sa. Gli attaccanti sono così, hanno un momento di difficoltà poi si sbloccano e non li fermi più. Noi dobbiamo sicuramente lavorare sulla fase offensiva e penso che questo modulo gli dia una mano".

4-2-3-1 modulo del futuro Inter? "Si è un'idea. Ora noi dobbiamo recupera anche Biabiany però, ripeto, che questo modulo aiuterà molto gli attaccanti".