48

13.10 - La famiglia di Diego Maradona ha ricevuto un rosario ed una lettera di condoglianze inviati da papa Francesco. Lo riferisce Radio Mitre di Buenos Aires. 

12.40 - Grande folla e momenti di tensione fuori dalla Casa Rosada, che ospita il feretro di Diego Armando Maradona. Centinaia di tifosi sono in fila da ore per un ultimo saluto al 10, la situazione ha rischiato di sfuggire di mano dopo il lancio di lacrimogeni seguiti da brevi cariche degli agenti presenti. La bara chiusa è avvolta in una bandiera nazionale albiceleste, sopra la quale sono state appoggiate una maglietta della seleccion argentina e una del Boca Juniors

11.30 - Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, ha voluto parlare così di Maradona: "Tempo fa ho visto uno striscione in Argentina che spiegava Diego alla perfezione. Diceva: 'Non importa cosa hai fatto nella tua vita, ma cosa hai fatto per le nostre'. Credo sintetizzi al meglio cio che è stato Maradona. E' stato l'uomo della gioia, del piacere, dell'impegno per il calcio, un mondo che ha reso migliore con le sue prestazioni e con quello che ha fatto per il Napoli e l'Argentina, qualcosa di incredibile".​

10.15 - Diego Maradona non c'è più. Da Buenos Aires a Napoli, il mondo piange il 10 più forte della storia. Sui social ma non solo, in queste ore sono tante le iniziative, alcune delle quali spontanee, per ricordare, per rendere omaggio al Pibe de Oro. ​La salma del numero 10 è arrivata alla Casa Rosada a Buenos Aires, il palazzo presidenziale argentino, dove è stata allestita la camera ardente. E dove centinaia di persone sono già in fila per un ultimo saluto. La veglia funebre durerà solo fino alle 16 locali di oggi (le 20 italiane), dopodiché, come richiesto dalla famiglia, Maradona verrà sepolto. I funerali verranno celebrati oggi stesso anziché sabato.




AUTOPSIA - Intanto sono arrivati i risultati dell'autopsia. Secondo quanto scrive Olé, ​"il 10 è morto per insufficienza cardiaca acuta, che ha generato un edema polmonare, in un paziente già con cardiomiopatia dilatativa".

CAMPIONATO ARGENTINO - Nella sua Argentina, molti club hanno deciso di accendere i riflettori dei loro stadi per ricordarlo. Dal Newell's al Racing, dal San Lorenzo all'Independiente, fino ad arrivare al River Plate, eterno rivale del Boca Juniors, che su twitter ha scritto: "Questa notte le luci del Monumental brillano per omaggiare la leggenda Diego Armando Maradona". Il Boca ha invece deciso di illuminare solo il palco della Bombonera da dove Diego guardava le partite. La lega calcistica argentina ha deciso di intitolargli il campionato di massima divisione, che da oggi diventa la Copa Diego Armando Maradona.