Commenta per primo
Camoranesi e Marchisio appartengono a generazioni diverse, 33 anni l'uno e 24 l'altro, ma hanno un destino in comune. Si sono incontrati nella Juve, e ora in nazionale. Uno a fine carriera, l'altro all'esordio mondiale. Uno sulla destra, probabilmente non dall'inizio ma in predicato di entrare nella ripresa. L'altro sulla sinistra, dove Lippi conta di ritrovarlo dopo le porve dimenticabili da trequartista: "So di non aver fatto bene - ha detto lui - a centrocampo mi trovo meglio. Ma giocherei pure in porta, al posto di Buffon". Le loro storie non potrebbero essere più diverse. Camoranesi è l'ultimo oriundo, a Berlino ha scritto il capitolo finale di una saga che comincia a Highbury nel 1934, in un'Italia-Inghilterra ben poco amichevole. E ora Lippi lo considera l'unico in grado di dare qualità al centrocampo, nonostante l'età avanzata e l'annata disastrosa. Marchisio ha avuto come idolo Del Piero, la sua massima trasgressione è stats dormire in macchina dopo una notte in discoterca, per non fare tardi agli allenamenti.