450
La Juventus programma la rifondazione della dirigenza dopo le dimissioni di Andrea Agnelli, Pavel Nedved e Maurizio Arrivabene e la caduta di tutto il consiglio di amministrazione. Quello che il presidente designato Gianluca Ferrero e il direttore generale Maurizio Scanavino si apprestano ad avviare sarà comunque un regno di breve periodo e la società pensa a cambiamenti sul lungo periodo, anche per quanto riguarda la parte sportiva, con Federico Cherubini e Marco Storari al passo d'addio e Massimiliano Allegri legato ai risultati, con il contratto che resta in scadenza nel 2025. E una nuova suggestione si fa strada negli ambienti bianconeri.

TENTAZIONE MAROTTA - La grande tentazione della Juve sarebbe quella di riportare Beppe Marotta a Torino. A riferirlo è Repubblica, secondo cui il dirigente non è ancora stato contattato, ma una chiamata da parte del suo ex club lo farebbe vacillare, nonostante il rinnovo con l'Inter fino al 2025. Per la Juve si tratterebbe di un ritorno al passato roseo non solo dal punto di vista sportivo ma anche economico, sotto la gestione Marotta i bilanci bianconeri erano spesso chiusi in positivo.