Calciomercato.com

  • Mbappé al Real Madrid, attesa per l'annuncio: patto da 80 milioni con Al-Khelaifi, il piano del PSG per il futuro

    Mbappé al Real Madrid, attesa per l'annuncio: patto da 80 milioni con Al-Khelaifi, il piano del PSG per il futuro

    • Redazione CM
    Il calciomercato invernale si è chiuso, ma sono già partite le operazioni per il 2024/25 e il nome più atteso è sempre il suo, quello di Kylian Mbappé. In Francia e in Spagna sono sicuri, il classe '98 questa volta ha davvero scelto il Real Madrid e non ci sarà un'altra beffa come nel 2022, quando a sorpresa rinnovò il contratto con il Paris Saint-Germain. Mbappé è già libero di firmare con un altro club per la prossima stagione, visto che il suo contratto con il PSG scadrà il prossimo 30 giugno, ma quanto manca agli annunci ufficiali? Le tempistiche dell'operazione sono l'ultimo nodo da risolvere, ma dalle parti di Valdebebas sono fiduciosi che l'annuncio possa arrivare a breve.

    PATTO CON AL-KHELAIFI - Prima, però, serve un passaggio formale: comunicare al PSG l'intenzione di non rinnovare il contratto in scadenza. Uno step previsto all'interno del patto tra Kylian e Nasser Al-Khelaifi, presidente del PSG, che la scorsa estate ha permesso il reintegro in rosa del giocatore, dopo la sua decisione di non attivare l'opzione presente per prolungare il contratto di un altro anno, portando la scadenza al 2025. Una decisione per la quale il Campione del Mondo 2018 aveva saltato la tournée in Giappone. Riferire la decisione personalmente ad Al-Khelaifi è un passaggio fondamentale, ma non l'unico dettaglio degno di nota all'interno del patto estivo: Mbappé infatti, in caso di trasferimento a parametro zero al Real Madrid, si è impegnato a rinunciare agli 80 milioni di euro di premio fedeltà che il Paris dovrebbe versargli al termine della stagione. Comunicazione e rinuncia a un ingente somma di denaro, due mosse per mantenere buoni i rapporti anche in caso di separazione.

    FIDUCIA REAL - La comunicazione ad Al-Khelaifi e al PSG non è ancora arrivata, evidenzia Fabrizio Romano, e dunque Mbappé al Real non può ancora considerarsi un affare fatto. A Madrid però la fiducia è totale e trapela da tutti gli ambienti: da fonti vicine al presidente Florentino Perez, da altre vicine alla dirigenza blanca e anche dallo spogliatoio, dove si parla costantemente del prossimo arrivo di Kylian alla corte di Carlo Ancelotti. Solo a novembre gole profonde vicine alle merengues davano l'affare per saltato, oggi però la situazione è cambiata e ad alimentare la fiducia e la convinzione del Real sono gli scambi fitti e positivi con Mbappé e il suo entourage: la sensazione a Madrid è che la vicenda non arriverà a giugno, ma già nelle prossime settimane possa arrivare la comunicazione del giocatore al PSG e l'annuncio più atteso, quello della firma con i blancos.

    OFFERTA REAL - A convincere Mbappé ad abbracciare la causa madridista non sarà un'offerta economica superiore a quanto messo sul piatto dal Paris Saint-Germain, anzi. Il Real e Florentino Perez hanno infatti avanzato una proposta, in termini di ingaggio, inferiore allo stipendio percepito da Kylian al PSG (72 milioni di euro), le cifre si aggirano intorno a quelle messe sul piatto dalle merengues nel 2022 prima dell'inaspettata fumata nera. Ingaggio fisso più basso, ma per Mbappé è comunque previsto un ricco bonus alla firma del contratto.

    IL PIANO DEL PSG - Il PSG, in assenza di una comunicazione ufficiale da parte del giocatore, non resta comunque con le mani in tasca e prepara un doppio percorso per il futuro. Da una parte quello improbabile che vede la permanenza di Mbappé e una squadra da ritoccare, dall'altra è pronto un piano B, una strategia da adottare qualora effettivamente Kylian decidesse di chiudere l'avventura all'ombra della Tour Eiffel. Il progetto studiato da Al-Khelaifi e dalla dirigenza parigina è a tutto tondo e non prevede soltanto l'acquisto di un top player per sostituire il numero 7 (tra i nomi emersi ci sono anche Victor Osimhen del Napoli e Rafael Leao del Milan), l'intenzione è di investire la cifra risparmiata tra ingaggio e bonus fedeltà per perfezionare altri due colpi di primo piano: uno in difesa (Matthijs de Ligt, ex Juventus oggi al Bayern Monaco, è in pole) e uno a centrocampo. Tutto è pronto, in attesa degli annunci: Mbappé sempre più verso il Real Madrid, il PSG è pronto a un nuovo inizio.

    Altre Notizie