Mucho Michu, molto Michu. E' l'attaccante dello Swansea City l'uomo-copertina della Premier League. Otto gol in quattordici partite di campionato, nove in sedici considerano la Coppa di Lega di inglese, nessuno si sarebbe mai aspettato un inizio di stagione così dalla punta di Oviedo. Una sorpresa, o forse no. Perchè Michu l'anno scorso è stato protagonista assoluto della salvezza del Rayo Vallecano con 15 gol in 37 partite, che gli hanno regalo la maglie degli Swans, i Cigni di Galles, che per averlo hanno investito poco meno di tre milioni di euro. Nonostante un inglese pessimo (prende lezioni tre volte a settimana per un totale di nove ore) la punta che esulta come Luca Toni ci ha messo poco a farsi capire, grazie alla lingua dei gol, due all'esordio con il Queens Park Rangers, quattro nelle prime tre partite.

Cresciuto insieme al trequartista dell'Arsenal Santi Cazorla, nel Real Oviedo, Michu sogna una big, ma non ha mai nascosto di ammirare la serie A, come rivelato a calciomercato.com qualche tempo fa: "E' un torneo bellissimo, molto affascinante. Lo seguo sempre quando posso. La mia squadra preferita è il Napoli. In futuro mi piacerebbe vestire la maglia azzurra". Su di lui si è interessato il Genoa, chissà che un semplice sondaggio possa trasformarsi qualcosa di più.