498
Il Milan ieri si è riunito ieri per un Consiglio di Amministrazione tecnico e che è servito a tirare le somme finali su quella che sarà la relazione finanziaria annuale e quindi sul bilancio che si é chiuso lo scorso 30 giugno 2019. I dati sono leggermente in miglioramento rispetto alla gestione di Yonghong Li, ma il passivo rimane importante.

ROSSO DA 90 MILIONI - Il dato più importante emerso nella giornata di ieri e che filtra dall'ambiente Milan è che, rispetto al rosso da 120 milioni del 30 giugno 2018, il deficit è in miglioramento. La previsione é infatti un passivo di 85-90 milioni, che comunque resta di quelli importanti e che, come riporta Tuttosport, comporterà nuovi esami da parte della Uefa a ottobre in tema di Fair Play Finanziario.

ELLIOTT NON AUMENTA - L'eredità era di quelle pesanti e il percorso virtuoso promesso alla Uefa sarà lungo e logorante. Per questo da parte della proprietà questa volta non è stato garantito alcun aumento di capitale. Il Milan oggi ha una gestione costi-ricavi non sostenibile (con costi di ingaggi e ammortamenti troppo alta rispetto ai ricavi), da qui si deve partire per riportare la barra di navigazione a dritta.