59
"Ho un contratto, vediamo come finirà. Se finirà". Zlatan Ibrahimovic dalla Svezia lancia altri segnali al Milan, perché il suo futuro sarà uno dei temi più caldi da affrontare al rientro in Italia. In attesa di un confronto tra l'attaccante e Ivan Gazidis che possa fare chiarezza sulle reali possibilità di permanenza di Ibra, i rossoneri hanno già dato il via alla ricerca di un possibile sostituto. E ancora una volta, può riaprirsi la strada verso Madrid, che dopo Theo Hernandez può regalare un'altra soluzione al Diavolo: Luka Jovic. Non una novità, perché il serbo era già stato un obiettivo sensibile la scorsa estate, subito dopo l'approdo al Real dall'Eintracht, e anche a gennaio era stato valutato come possibile rinforzo come alternativa a Ibrahimovic.
RITORNO DI FIAMMA - Un profilo gradito a Elliott per età e rendimento, nonostante i suoi primi mesi al Santiago Bernabeu siano stati tutt'altro che entusiasmanti: vivido negli occhi il ricordo del giocatore che aveva incantato a Francoforte in coppia con Rebic, che potrebbe ritrovare in rossonero. Già, perché l'interesse non è calato e la volontà del Real Madrid di investire su un nuovo centravanti spalanca le porte a una cessione di Jovic. Magari in prestito, come suggeriscono i media spagnoli, ma non va dimenticato che la scorsa estate proprio la formula del prestito secco aveva di fatto fatto storcere il naso alla proprietà milanista, poco propensa a una mera valorizzazione di talenti altrui. Ora il Real sarebbe più propenso all'inserimento di un'opzione per il riscatto, ma non basta superare questo scoglio per far sì che l'idea Jovic diventi realizzabile per il Milan: pesa e non poco l'ingaggio del serbo da 5 milioni di euro netti (circa 10 lordi) a stagione, tanti in un'ottica di abbattimento costi che Gazidis è intenzionato a portare avanti. Gli ostacoli non mancano ma non sono insormontabili, il Milan resta vigile e i cambiamenti che vivrà il calciomercato dopo l'emergenza coronavirus possono aprire spiragli per un vero affare: Jovic è una vecchia idea che torna sempre di moda, il Diavolo vuole farsi trovare pronto se si presenterà l'occasione.